L'Articolo

FM Communication ha inaugurato la sua sede a New York

02-04-2016

NEW YORK. Giovedì scorso, FM Communication ha inaugurato la sua sede su Park Avenue. FM è un’agenzia di marketing sportivo e comunicazione istituzionale, con sede centrale a Milano e presenza ad Abu Dhabi. È la prima italiana del suo genere, specializzata in calcio, a creare un ufficio a New York. Ne è presidente Fabio Montecalvo, barese 42enne, a capo anche di un’agenzia di rappresentanza di giocatori, World Football Management, ex calciatore (Monopoli in C2 tra le altre).

Tra le iniziative di FM, anche Real Gasolina, prima operazione di co-marketing tra una società calcistica ed un distributore di carburanti, la prima stazione di servizio firmata da un club di calcio in cui è possibile far benzina e usufruire di una serie di servizi legati alla partita ed al merchandising del Real Madrid.

FM Communication ha rapporti con club di primo livello mondiale: può fare un esempio articolato su un progetto di marketing che avete sviluppato per loro conto?

Sono svariate, le operazioni che hanno visto Fm Communication poter poi osservarne la relativa ‘customer satisfaction’ inerente le stesse; dal lancio di occhiali da sole con particolare lente sul quale veniva raffigurato il marchio del club, all’accostamento di prodotti di largo consumo sia, propriamente riguardo agli stessi club di calcio, che a figure particolari concernenti le identità di testimonials, e quindi più vicine a singoli calciatori. In altre circostanze, esperienze di marketing sportivo applicate a quello dei trasporti, mi hanno visto protagonista nel vedere realizzate per esempio, idee di co-sharing tra un club di calcio europeo ed un vettore aereo della stessa area geografica.

Ma l’operazione di marketing più importante e più innovativa è sicuramente quella che vedrà, nel mondo, legare sempre un club di football ad una stazione di rifornimento di carburanti, ‘allargata’, per l’occasione, con una vera e propria Area Relax ed Entertainment, attrezzata di Ristorante, Show Room Completo del merchandising del Club D’Interesse (inclusa ovviamente l’opportunità di acquistare i biglietti dei matchs e riservare con una priority-list, le aree ospitality), oltre a una piccola area wellness e una location per il make up.

Perché creare una sede di FM Communication a New York: quali sono i progetti specifici nell’ambito sportivo?

New York è sempre stato il mio sogno: il sogno. Frequento la grande mela dal 2004; anno in cui militai in un master in marketing & comunicazione internazionale. Successivamente ho anche condiviso una sede operativa sulla Sesta Avenue vicino Carnegie Hall con grandi esperti di advertising. Questa volta, però, è differente. È l’opportunità della vita di vivere da protagonista il futuro mio e del mio gruppo dopo i sacrifici di una vita.

Allo stesso tempo, però, rappresenta anche l’opportunità per misurare le potenzialità e le peculiarità che contraddistinguono i miei ‘core business’ e quelli delle persone che rappresento. Come la famiglia Al Alaija di Dubai (partner di FM, ndr), senza della quale tutto questo non sarebbe possibile. Di sicuro le dico, che cureremo molto i dettagli sulle iniziative speciali, per esempio, tra i clubs di football e le società a cui proporremo il miglior placement in tema calcio.

Proprio il calcio italiano è semi-ignorato dallo spettatore e dai media negli Usa: è colpa del marketing (inesistente) o della sua qualità?

Sono d’accordo. La mia risposta si rifarebbe un po’ a quella data nella sua prima attenta domanda. Fm Communication cercherà di interrompere questo gap creato uno prolungato stand-by. Nell’onore del nostro bel paese. Speriamo di ricevere proprio dal nostro territorio le dovute attenzioni.

Il palinsesto di oggi