La politica

M5S. "Non si molla di un centimetro"

13-04-2016

"Non si molla di un centimetro". E' l'espressione che hanno utilizzato su facebook sia Luigi Di Maio che Alessandro Di Battista in quello che sembra essere un messaggio di incoraggiamento a tutti i militanti del M5S provati per la morte di Gianroberto Casaleggio. "Io non mollo", è il titolo dell'ultimo post firmato dal fondatore del M5S e pubblicato sul blog di Beppe Grillo la scorsa settimana, quando indiscrezioni giornalistiche avevano rivelato il suo difficile stato di salute.

"Non si molla di un centimetro". E' l'espressione che hanno utilizzato su facebook sia Luigi Di Maio che Alessandro Di Battista in quello che sembra essere un messaggio di incoraggiamento a tutti i militanti del M5S provati per la morte di Gianroberto Casaleggio. "Io non mollo", è il titolo dell'ultimo post firmato dal fondatore del M5S e pubblicato sul blog di Beppe Grillo la scorsa settimana, quando indiscrezioni giornalistiche avevano rivelato il suo difficile stato di salute.

"Non si molla di un centimetro. C'è un Paese che aspetta giustizia e legalità. Io sono a Milano ma parto subito per Siena. Perché i risparmiatori vanno salvati, il risparmio garantito e le banche non possono dettare legge. Vi aspetto questa sera a Siena. Cerchiamo di essere in tanti. Stiamo andando bene, siamo un'alternativa al governo di Trivellopoli?. A riveder le stelle!", ha scritto Di Battista. "La settimana prossima si voterà al Senato la sfiducia al governo. Fate sentire la vostra voce. Siamo tutti in prima linea. Non si molla di un millimetro", gli ha fatto eco Di Maio.

Testamento di Casaleggio. E Grillo ripensa passo di lato

"Grillo? Davide Casaleggio? Il direttorio? Ora chi guiderà il M5S?". E' la domanda che tutti, anche all'interno del Movimento, si pongono dopo la morte di Gianroberto Casaleggio che però, già immaginando quanto sarebbe accaduto, avrebbe lasciato ai suoi fedelissimi un testamento politico: una serie di appunti con indicazioni in vista delle prossime scadenze politiche nella convinzione che nella primavera del 2017 si voterà.

I pentastellati e Beppe Grillo si trovano di fronte ad una svolta:andare avanti senza il supporto del suo ideatore e fondatore. Il comico genovese nei mesi scorsi ha detto di voler fare "un passo di lato" per tornare a fare spettacoli ma soprattutto per lasciare spazio al direttorio dei parlamentari. Insomma, di volersi limitare ad un ruolo di "garante". Questa decisione, accompagnata anche dalla scomparsa del suo nome dal simbolo, potrebbe ora essere rivista. Anzi, secondo alcuni parlamentari pentastellati, il leader dovrebbe tornare a farsi carico del Movimento. D'altronde, lo stesso comico genovese nelle scorse settimane aveva annunciato che "cambiamenti" sarebbero stati imminenti.

L'alternativa è rappresentata dal passaggio della cabina di regia interamente nelle mani del direttorio M5S. Non tutti tra i pentastellati - soprattutto al Senato - sono però convinti che Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista, Roberto Fico, Carlo Sibilia e Carla Ruocco (tutti deputati) abbiano sufficiente piglio per guidare il "partito" per motivi anagrafici e di equilibrio tra le due Camere.Palazzo Madama reclama un peso maggiore all'interno degli organismi direttivi: spesso si sono fatti i nomi dei senatori Paola Taverna e Nicola Morra per incarichi di primo piano.

C'è, infine, da definire il ruolo di Davide Casaleggio. Il figlio del co-fondatore si trova ora ad avere la maggioranza della Casaleggio Associati, proprietaria del blog di Beppe. Ad affiancarlo ci saranno anche i soci e Filippo Pittarello (attualmente aiuta il gruppo parlamentare a Bruxelles). In Parlamento non tutti sono convinti che Davide abbia la sensibilità politica del padre. Ma non mancano neanche i suoi ammiratori, convinti che possa bilanciare "lo strapotere" del direttorio e dare un'impronta più strategica.

"Gianroberto era un visionario nel senso che riusciva a capire prima il futuro - spiega una delle fonti -. Era consapevole delle condizioni di salute ed aveva pianificato cosa sarebbe accaduto quando lui non ci sarebbe stato più. Pianificava tutto, sempre". La soluzione potrebbe quindi averla immaginata lo stesso Casaleggio con il suo testamento politico: un periodo di transizione con direttorio e Davide che si aiutano sotto il controllo di Grillo e traghettano il "partito" durante questo periodo difficile. Anche in questa luce potrebbe essere letto il post della scorsa settimana sul blog nel quale lo stesso Casaleggio ha detto: "Nel M5S non ci sono capi. Decidono i cittadini". Una democrazia allargata che, di fatto, congelerebbe la situazione attuale. L'accordo dovrebbe essere siglato dallo stesso Davide e da Luigi Di Maio e Roberto Fico.

Il palinsesto di oggi