I consigli di Laura

Non fa altro che litigare con i genitori che non la capiscono

14-04-2016

 

 

Cara Laura,

sono in continua lite con i miei genitori, perché non vogliono accettare le mie scelte, il mio stile di vita, diverso dal  loro e da quello dei miei fratelli, che si sono già sistemati e hanno anche messo su famiglia. 

Io invece dopo la laurea, ho deciso che non potevo cercare subito lavoro in Italia, perché avevo bisogno di conoscere il mondo, di viverlo pienamente, prima di stabilizzarmi in un posto per sempre. 

Due anni fa sono così volata in America, prima a Los Angeles, ora a New York, dove mi trovo benissimo. Ovviamente qui non faccio il lavoro dei miei sogni e i soldi sono sempre troppo pochi, anche se riesco a vivere senza chiedere nulla a nessuno. Mi trovo bene, ho fatto tante esperienze, che in Italia non avrei potuto fare. Certo vivendo qui non ho modo di pensare al futuro, di mettere da parte qualche lira, come invece mio padre vorrebbe e come i miei fratelli hanno fatto. Ma questo non importa, perché ognuno ha un modo diverso di essere felice. Probabilmente la loro stabilità per quanto riguarda me mi ucciderebbe. Mi spiace solo che mio padre e  mia madre questo non lo capiscano e continuino a chiamarmi infuriati, dicendomi che non sto combinando nulla con la mia vita all'infuori di perdere il mio tempo...

Loretta

Cara Loretta,

la tua generazione è figlia del Ventesimo Secolo, siete un popolo di nomadi, che vivono principalmente nel presente ma che sono anche un poco pessimisti anche verso il futuro. Per i genitori, che hanno speso tutta la vita a fare sacrifici per i figli e il loro avvenire, devi capire che questo non può andare giù. Anche tu forse dovresti trovare una via di mezzo. Hai fatto tante esperienze, ora chiediti cosa veramente vuoi. Mettere da parte qualche soldo per gli imprevisti non guasterebbe... 

Scrivete a: Laura, c/o America Oggi,

475 Walnut Street, Norwood, N.J., 07648     

Il palinsesto di oggi