Analisi e commenti

Il Columbus Day sotto attacco in Colorado

Di Dom Serafini

25-05-2016

 

 

 

 

La festa del Columbus Day continua ad essere sotto attacco in Colorado, ma per ora resiste. Joe Salazar, deputato del Partito Democratico locale, aveva presentato un disegno di legge per cambiare il 12 ottobre da Columbus Day a "People's Day", in onore degli indiani d'America.

Secondo Salazar, un avvocato che vanta origini spagnole e indiane, Cristoforo Colombo fu responsabile di violazioni umane verso il popolo taino quando nel 1492 approdó  nell'isola caraibica chiamata Hispaniola. Viene accusato di abusi sessuali, schiavitú, assassini e torture. Davanti all'assemblea statale Salazar aveva affermato che celebrare il Columbus Day era come celebrare le atrocitá di Colombo.

Gli altri rappresentati parlamentari avevano suggerito di celebrare gli indiani con un'altra festa, ma all'opposizione di Salazar, la commissione statale ha votato 7 a 2 contro l'eliminazione del Columbus Day.

Salazar aveva quindi suggerito di sostituire Columbus Day con un "Italian-American Heritage Day", idea che é stata rigettata.

Il Columbus Day é una festa federale dal 1934, ma in Colorado la si celebrava molto prima come festa statale, dal 1907, ed é stata persino riconosciuta da un alleato di Salazan, Rita Martinez del comitato "Pueblo Abolish Columbus Day", che ha affermato come "il Columbus Day sia nato in Colorado".

In Colorado il Columbus Day ha avuto una storia travagliata: dal 1980 fino al 1990 é stato soggetto di proteste tanto che dal 1992 fino al 2000 le parate furono cancellate per timore di dimostrazioni violente (come accadde nel 1992 quando 147 dimostranti vennero arrestati).

Il rifiuto di celebrare "People Day" in altra data e di lasciare il Columbus Day, é visto dalla comunitá italo-americana del Colorado come una forma di discriminazione.

Con oltre 200.000 italo-americani, rappresentando il 4,6% della popolazione dello stato, la comunitá del Colorado é la 15ma piú grande degli Stati Uniti.

A perorare la causa a favore del Columbus Day é stato Richard SaBell, primo vice presidente dei Sons of Italy del Colorado, che ha fatto notare come gli stessi indiani commettessero atrocitá tra di loro.

La deputata democratica (statale) Dianne Primavera ha dichiarato infine che il disegno di legge é un attacco alla comunitá italo-americana. 

Da notare che Salazan non ha una grande reputazione, avendo vinto le elezioni per soli 188 voti. 

Il palinsesto di oggi