Le poesie

Quesiti inutili

di Nino Del Duca

01-02-2009

Vicienzo, ca stasera ha fatto cena
cu' ‘na zupp' ‘e suffritto, sapurìta,
ma accussì forte ca parèva fuoco,
per rinfrescarse ‘a gola s'è bevuto,
comme fosse acqua, ‘nu par' ‘e litre ‘e vino
e mò sbarèa c' ‘a capa, e vo' ca Ciccio
gli spieghi ‘e ccose ca ‘o fanno sbaria'.
"Io vulèsse sape' se l'Universo
è pieno o è vuoto e se l'Umanità
esiste o è sulamente ‘n'illusione...
Tu ca te ‘ntienne, e parle ‘e tanta fatte,
sicuramente m' ‘o saparràie spiega'".
"Vicie', ma ch'è succièso, non stai bene?
Che razza di domande sono queste?
Credo che tu hai bevuto un poco troppo
e spisso ‘o vino chest'effetto fã ".
"Cicci', forse hai ragione, stò stunàto,
ma che vuol dire, è solo in questo stato
che ‘a ggente pensa più liberamente,
pecchè, la mente, sciolta dai legami,
non è costretta ad essere coerente.
Quanno stà in sè, ognun' ‘e nuie se frena
e si trattiene ‘ncuorpo i suoi pensieri,
tène paura che colui che ascolta,
pe' scemo o pazzo ‘o pò considera'.
Pirciò t' ‘a pozzo fa' questa domanda:
- Se l'Universo esiste, cumme và
ca nun se sàpe nè da ro' accummencia
nè addo' fernesce? E anche l'Umanità
pò essere ca è sulo ‘n'illusione...
Pecchè me vide? Pecchè tiène ll'uocchie...
si nun ‘e ttiène, nun me vide cchiù,
e si nun tiène ‘e rrecchie, nun me siente
e così pure tutti gli altri sensi.
Sulo lloro ce dìcono ca ‘o munno
esiste, devi ammetterlo anche tu,
ma se, per un'ipotesi, ‘e perdèssemo,
pe' nnuie ‘o munno nun esistèsse cchiù.
Ma ce starrìa lo stesso? È chist' ‘o dubbio
ca i' tengo ‘ncapo; lievammìllo tu!"
"Cicci', t' ‘a pozzo dìcere ‘na cosa?
Chi ha perze ‘e sense si' tu sulamente,
pecchè te fissi cu' ‘sti pensieri astratti
ca ‘mbriàcano ‘e cervelle inutilmente...
La nostra intelligenza è limitata,
e ‘sti quesiti riguardo all'Universo
e sui confini tra realtà e illusione
sono al di fuori della nostra mente
ca nun è fatta pe' pute' capi'.
Sapìmmo sulo che c'è un'energia
che determina tutto e lo fà esistere,
ma st'energia ‘a ro' vène? Chi lo sà...
Io, ca so' religioso e credo in Dio,
penso ca è Isso ca ‘a fà funziona'.
Per chi non crede non ci son risposte,
pirciò, Vicienzo mio, fatte capace,
chèsti domande cerca ‘e nun m' ‘e ffa',
dell'esistenza che sapìmmo? briciole...
È ‘nu mistero ca nun se pò spiega'.
E, 'n'ata cosa... cerca di reprimerti,
nun bere troppo, ‘o vino fà ‘mbriaca',
e, quanno staie ‘mbriaco, parli a schiòvere
e sfutte a me coi tuoi quesiti inutili,
chiedendo cose che nessuno sà.

Il palinsesto di oggi