Le poesie

L'unico "sì"

di Nino Del Duca

16-09-2007


Da quasi cinquant'anne stàmmo ‘nzieme,

tutta ‘na vita, ‘n'esistenza sana.

‘A voglio bbene, ‘a tratto cu' rispetto,

ma ‘sta muglièra nun me dà arriciètto.

 

Ha diviso con me gioie e dolori,

però ‘n'eterna lotta ogne mumento,

vedìmmo ‘e ccose in modo differente,

so' allùcche ‘e pazze ‘ncopp' ‘e ccose ‘e niente.

 

A me me piace ‘o sole dint' ‘a casa...

essa tène ‘e tendìne sempe ‘nchiuse.

Io vulesse mangia' pasta e ffasùle

e lei me porta a tavola ‘a ‘nzalata.

Io appìccio ‘a  radio pe' senti' ‘e  ccanzone

e lei la spegne - dice ca se stona!

 

Tenèvo ‘na giacchetta a quadrettini

(ricordo amato di un'età lontana...),

Me l'ha buttata - Nun l'è mai piaciuta

e ha ditto, a un mio accenno di protesta:

"Nun l'ha vulùta manc' ‘o sapunaro,

è inutile ca fai ‘sta faccia ‘e pesta".

 

Che pozzo fa'? - Me songo rassignato...

È onesta, è brava, sàpe cucena',

però è scucciante, tène sempe ‘a dìcere,                                      

nun me dà pace, è'na calamità!

 

V'è capitato, ‘o mmeglio d'‘a nuttàta,

a rimane' scetàto, i nervi tesi

pe' chella goccia d'acqua petulante

da ‘o rubinetto ca scorre int' ‘a cucina?

Per me è così - ‘A quanno so' spusàto -

 

Io, si ce penzo, sono ancora incrèdulo.

Pe' ogni e qualunqua cosa mai ‘nu "sì",

sulamente ‘na vòta fùie d'accordo...

Ma comme, dico, sempre all'incontrario

e, proprio chella vota, ‘nnanze ‘o Prèvete,

dicètte, cumm' a me, pur'essa "SÌ"!

 

 

Il palinsesto di oggi