Le poesie

I “geni” e ‘o “genio”

di Nino del Duca

08-03-2009

L'attenzione era al massimo e gli allievi
ascoltavano intenti ‘o prufessore
che spiegava, con molta competenza,
l'uomo cos'è, visto nella sua essenza.

"Alla base - diceva - ce stà ‘a cellula
ca, ‘nzieme all'ate, poi forma i tessuti
con i quali so' fatte ‘e ‘ntestinielle,
‘o core, ‘a pelle, ‘o fegato, ‘o purmòne...
Tutte ‘sti ccose formano la bestia
(a volte intelligente) che poi è l'uomo".

Poi aggiunse: "A dire il vero, la faccenda
non è solo così, è più complicata...
Ce stà ‘na matassella, assai ‘mbrugliosa,
fatta di "geni", l'inizio di ogni cosa.

Ogni gene ha un suo compito preciso,
è cumme fosse ‘o masto apparatore
ca decide misure e qualità.
Lui stabilisce se sarai luongo e sicco,
o curto e chiatto, e pure ‘a isso dipende
se nella vita diventerai famoso
per il tuo acumne o la tua stupidità."

Un' 'e ll'allieve, quando turnàie ‘a casa,
dicette a ‘o pate: "Papà, m'ìssa spiega'
‘nu poco meglio ‘o fatto ‘e chisti "ggeni",
ogge ce n'ha parlato ‘o prufessore,
ma nun aggio capito ‘o rieste ‘e niente,
dimmèllo tu, famme capacità".

"Guaglio', tuo padre nun è prufessore
ma, a riguardo d' ‘o "genio, è ‘nu scienziato...
Ne tengo tante, uno cchiù forte ‘e ‘n ato,
però, per mia sfortuna, in vita mia
ben pochi ne ho potuto soddisfa'.

Mò, ca so' anziano, ‘o genio mio cchiù gruosso
fosse chillo ‘e campa' tranquillamente
senza pensière e senza fatica'".

" Papà, àggio ditto "i geni", non " ‘o genio",(1)
stai confondendo, è tutta ‘n'ata cosa,
però ce azzecca, e t'àggia cunfida'
ca ‘o prufessore ci ha spiegato pure
che i tuoi "geni" ed i miei so' tale e quale,
(me li hai trasmessi tu ‘nzieme a mammà)
per cui pe' forza t'àggio assumiglia'.

Quindi non protestare, tu mi hai dato,
compreso in questi geni ereditari,
‘o genio, che tu spesso mi rimproveri,
‘e campa' buono, senza fatica'."


(1) ‘o genio = il desiderio, la voglia.

Il palinsesto di oggi