Le poesie

A vita, che d’è ‘a vita?

di Nino del Duca

11-04-2009

‘O vulesse sape', ma nun ‘o ssaccio.

L'aggio campata, m'ha lassato ‘e segne

e ancora nun ‘o ssaccio...

Èramo quatt' ‘e nuie:

Zi' Prèvete, ‘o Brigante,

Gennaro ‘o cantatore e po' stèv' io.

Zi' Prèvete diceva: " Chest'è ‘a vita,

‘nu mezzo pe' scunta' tutt'‘e peccate,

per onorare Dio, ca ce ha creato,

con l'Amore, la Fede e la Bontà.

Rispunnèva ‘o Brigante: " ‘A vita è lotta,

'na sfida tra chi vence e chi è vinciùto,

e quanno chiure ‘o libbro tuio, è fernùto,

nun resta niente, è inutile a sbaria'".

Gennaro s' ‘a redèva, e po' cantava:

"Oi ggente, ‘a vita è suonno...

Veditevènne bbene, si putìte,

ca dint' a niente ‘a giuvntù ve lassa...

‘A vita? Chest' è ‘a vita...È ‘na palomma

‘mbriacata ‘e sole, è ‘na siusciàta ‘e viento

ca t'accarezza e passa..."

‘Ncapo a me riflettevo: Gennaro ave raggione

però ‘o Brigante manco tuorto tène...

Zi' prèvete me pare ca nun se pò sbaglia'

pecchè, quanno ‘e ddice isso,

chelli parole sanno ‘e verità.

Ognuno ‘e lloro campa senza dubbie,

pe' lloro ‘a vita nun tène misteri,

io invece m'arravoglio cu ‘e penziere

e m'addimmànno: " A vita, che sarrà?...

Se nasce e po' se more... Che vo' significa'?..."

Ma, aizànno ll'uocchie ‘ncielo vèc' ‘o sole,

e ‘sta visione me schiarisce ‘a mente

-‘A vita è ‘a vita - Che ce stà a spiega'?

E sia pure ‘sta vita è ‘nu mistero

ca nun songo capace e addivina',

io a' voglio bbene . Essa m'ha dato ‘o sole

ca scarfa e luce, ‘a cumpagnia d'a ggente

e, sperando ca dura ancora a luongo,

...'o sfizio d' ‘o campa'.

Il palinsesto di oggi