Le poesie

Il pudore

di Nino del Duca

19-04-2009

Cu' tutto chello ca stà succerènno,

rivoluzioni, fame, tanta guaie,

ce stà chi perde tiempo e parla a schiòvere

di certe cose,  logiche e anche giuste,

che lui s'è mmiso ‘ncapo di cambiare.

‘Nu giudice d'‘a Corte ‘e Cassazione

ha ditto "Non è affatto scandaloso

se si va in giro cu' tutte cose ‘a fore.

Il "nude-look"che adesso va di moda,

non va considerato, come un tempo,

un reato che offende la morale."

-Forse ha ragione - fra me ho riflettuto -

‘Nu poco ‘e pelle ‘a fora che pò ffa'?

A molti piace questa nuova moda

che hanno adottato ‘e ffèmmene moderne

che mostrano le cosce, le mutande

e, in certi casi (non stò esagerando)

pure quel che c'è dentro... ‘A verità

è che si è perso il senso del pudore

e chi ancora lo tiene, molto spesso,

viene guardato con ostilità.

Ma che cos'è il "PUDORE"? - Zingarelli

ce fà capi' che è un senso di riserbo

per ciò che attiene al campo del sessuale,

ci dice che esso è innato e naturale.

E allora cumme va ca l'ìmmo perzo?

Ne ho chiesto la ragione ad una zia

che in gioventù faceva la "soubrette"

e lei ha risposto: "Non è affatto vero,

il senso del pudore è sempe ‘o stesso,

chello ca spisso manca è la morale.

Io, ‘ncopp' ‘e scene, me murèvo ‘e scuorno,

ma, pensanno ai vantaggi, me passava.

‘A ggente ‘essa capi' che il denudarsi

è ‘na cosa che va contro il buonsenso.

Considerarsi oggetto da vetrina,

mettendo in vista ‘a sotto che ce stà,

è come un disprezzarsi, un diminuirsi...

Nun dico ca ti ha mèttere in un sacco,

‘o ppoco ‘e scollatura ce hadda sta'.

Ma da questo a mostrarsi seminudi

c'è differenza e nun s'avessa fa'."

- ‘A zi', ma ‘e tiempe ormai sono cambiati,

‘a ggente vuol campare in libertà

e non sopporta certe restrizioni.

Si uno vo' sta' annùro, che ce ‘mporta?

So' fatti suoi, che c'entra la morale? -

"La morale va al passo con i tempi

e assieme ad essi, stà cambiando in male

(e chistu fatto ce hadda preoccupa').

Qualunque cosa, si ‘a tiene sempe annanze,

a lungo andare, po', te fà stufa'.

Io me ricordo ca l'uòmmmene facevano

gli occhi di fuoco, quanno, int' ‘o triato,

facènno " ‘a mossa" mustravo ‘o ppoco ‘e coscia,

mò invece, queste donne ca camminano

cu' ‘a panza ‘a fora, senza reggipetto,

pure si ‘e guarde, nun te fanno effetto,

pecchè nun c'è cchiù niente ‘a immagina'.

‘Stu giudice nun ha capito niente -

‘Na vecchia cu ‘e pellecchie appese in mostra,

offende sia il pudore che ‘a morale -

E poi, se togli il veto, il desiderio

dello scoprire, delle novità

di vedere che c'è sotto i suoi veli,

s'affievolisce, ti rende indifferente...

E questo è un danno, fà veni' a manca'

una parte importante ed essenziale

nella vita degli uomini e d' ‘e ffèmmene,

chella ca poi è l'essenza d' ‘o campa'."

Il palinsesto di oggi