Le poesie

To be or not to be

di Nino Del Duca

06-12-2009

"Tubbì o non tubbì" è ‘nu ditto inglese

ca ha miso mmiezo, tantu tiempo fa,

‘nu scrittore di opere ‘e triato

ca ancora oggi sentimmo ‘e nnummenà

 

Dice ca se chiammava Shakespeare

(... ma pare ca chist'era ‘o soprannome)

e screvette ‘nu dramma commovente

addò n'attore (... senza avé appaura)

recita cu ‘na capa ‘e morta mmano

e dice, mentre se l'appusuleia:

"Songo o nun songo? Chistu ccà è ‘o prublema!

‘O ffaccio o nun ‘o ffaccio? E si po' sbaglio?

 

‘Sta frase è addevetata assaie famosa

pecché riflette cumme simme fatte:

l'istinto ce cunsiglia e ‘na manera

e la ragione ce ‘mbriaca tutte e fatte.

 

Ognune ‘e nuie, quando avimma decidere

tienimmo sempre ‘a paurella ‘ncuorpo,

fra ddoie strade, ‘e piglià chella sbagliata

e rimandiaco, ce penzammo ‘a coppa,

per non pentirci, dopo, d'aver fatta

per la fretta, ‘na cosa scumbinata.

Cert'è ca nun avimmo troppo tuorto

si ce penzammo, primma ‘e ce menà,

ogne questione tene cchiù ‘e ‘na faccia

scegliere, mò ‘nce vò, chisto è o prublema,

per esempio, tu dici: "Mò mi sposo

cu ‘sta guagliona ca è ‘na rarità"

ma riflettenno ca te pò fa ‘e ccorne

te siente titubante e t'arrovelli,

nun saie cchiù si ‘o vuò fa o nun ‘o vuò fà.

 

N'amica (...ma chi sà si ave raggione)

m'ha ditto ca è sultanto un'illusione

pensare che lo scegliere è importante,

pecché ‘o destino d'ogni essere umano

sta llà già scritto, nun ‘o può cagnà...

Ognuno ‘e nuie è ‘na foglia ‘mbraccio ‘o viento

ca ce trascina addò ce vò purtà.

 

È sulo ‘na questione ‘e bona sciorta:

si ‘a tiene, e ccose vanno sempe bbone,

si invece tu si nato scalugnato,

qualunque decisione che tu prendi

va sempe storta, hai voglia e ce penzà.

 

AI LETTORI: Ci scusiamo per il titolo errato della poesia di domenica scorsa. "Sotto ‘o ncopp" era quello esatto.

 

Il palinsesto di oggi