Le poesie

‘O sentimento

di Nino Del Duca Del Duca

20-10-2007

‘Nu giurnalista ca è venuto  a'Mèrica

per un servizio di attualità,

mi ha chiesto di descrivergli ‘nu poco

chello ca penza ‘n italiano ccà.

 

Noi che viviamo in Patria - po' m'ha ditto -

ce sentìmmo ‘nu poco imbarazzati

quando ci rivolgiamo agli emigranti

ca stanno fòre, tristi e scunsulati.

 

Mi sono risentito: " Ma che dite!

Chest' era ‘ovèro tantu tiempo fa...

mò sìmme nuie ca stammo in imbarazzo

sentènno chello  ca succède llà.

 

Nuie sìmme state sempe ritenuti,

gente piena di forte sentimento,

prolifici e focosi.  Ogni famiglia

teneva, a dire poco, dduie o tre figli.

 

Mò, dice ca nel secolo venturo,

si vànno ‘e chistu passo, gli Italiani

diventeranno un popolo in declino

perchè ci son più vecchi che bambini ".

 

Mi pare - ha ribattuto ‘o giornalista -

che il vostro cruccio sia ingiustificato.

Voi lo sapete, i tempi sono tristi

ed oggi il mondo è sovrappopolato.

 

A malicuore, l'aggia da' raggione,

però non si dovrebbe esaggera'...

Io non dico c'avìmma fa' ‘e cunìglie,

ma, almeno un poco, dàmmece da fa'...

Pecchè, si nun facìmme qualche figlio,

‘o sentimento... c' ‘o tenìmmo a ffa'?

 

 

Il palinsesto di oggi