Le poesie

Commenti tra la gente (Il ferimento di Berlusconi)

di Nino Del Duca

20-12-2009

"Donna Cunce', aìte visto ch'è succièso?

‘Nu squilibrato, senz'ave' cuscienza

ha rotta ‘a faccia al nostro Presidente

ca, puveriello, è avuta  i' ‘o ‘spitale!.."

 

"Sì, l'àggio ‘ntiso ‘o fatto, e me rispiace,.

Ma, nun capisco, cu tanta gaurdie attuorno,

nisciuno ‘e lloro l'ha fermato ‘a mano."

 

"Donna Cunce', la cosa è assai cchiù seria,

‘e guardie nun putevano fa' niente.

‘O presidente crede che la gente

sia tutta a suo favore e non capisce

che il malcontento è tanto, e le persone

se songhe sfasteriate ‘e senti' ‘e chiacchere

e vulesseno fatti - Si ‘nu pate

ca sente ‘o figlio ‘e di' "Me more ‘e famma"

ma non ha i soldi pe' l'accatta' ‘o ppane,

sicuramente lle saglie ‘o sanghe all'uocchie.

 

Se chi governa, invece ‘e parla' a schiovere,

s'interessasse ‘overo d' ‘e famiglie,

‘e chi nun tene ‘e mezze pe' campa',

l'atmosfera sarebbe differente.

 

L'incivile aggressione è stata brutta

e tutti quanti l'aìmma cundanna',

ma cumme a oggi, pure ‘e tiempe antiche,

quanno ‘o popolo vede ‘e ccose stuorte

e tène famma, nun se ‘mporta ‘e niente

e si ribella, ce stà poco ‘a fa'.

 

Dice: ma chillo, ‘o Guverno, non ha soldi,

si ‘a sarda è secca, addo' ‘e vvaie a piglia'?

 

- Nun è prublema sulamente ‘e sorde,

È ‘na questione di mentalità -

Se ‘int' ‘a cucina ‘o rubinetto scorre

e te ne fotti, nun ‘o faie accuncia',

poi la casa s'allaga e ti ritrovi

cu' ‘o culo dint'all'acqua - È ‘a verità.

 

Io penso ca l'Italia a ‘stu mumento

si trovi ‘ncopp' ‘o ciglio ‘e ‘nu burrone,

e la gente spera ca ‘mparanza, e presto,

tutti ‘sti "mastenguangheri" che parlano

arrivino a truva' ‘na soluzione.

"Tu me fuoche e io te ceco" - Adesso basta

con queste assurde e insulse tiritere.

"Unite i vostri sforzi e, onestamente,

non solo cu ‘e parole, ma coi fatti,

ricostruite un clima di concordia"

come più volte, con parole saggie,

ha ditto ‘a ‘int' a TiVù  NAPOLITANO:

"Solo così, scacciando via le nuvole

di un cielo tempestoso, colmo d'odio

tra le avverse fazioni sempre in lotta,

l'Italia troverà nel suo futuro

il modo di risolvere i problemi

che affliggono la vita di ciascuno".

 

- ‘E parole so' belle, però ‘a panza,

quann' è vacante, nun fà arraggiuna' -

la interrompe ‘a cummàra, Zi' Carmela:

Se chi cumanna, pensando a chistu fatto,

truvasse ‘o modo giusto ‘e guverna',

saremmo tutti quanti più tranquilli...

(si pure ‘o ppoco ‘e appìcceco è normale,

però senz'astio, senza ce scanna').

Ognuno promovendo le sue idee

ma senza l'odio che ci può distruggere...

 

Zi' Carmela conclude il suo discorso:

"Io dico a tutti quanti ‘e capezzoni

(quelli al potere e a chi ce vo' arriva'),

pensate buono a chelle ca facìte!

Sfuttènno ‘a mazzarella ‘e san Giuseppe

‘a freva saglie...Cercate ‘e ve calma'."

 

Il palinsesto di oggi