Le poesie

Prestito tra vicine

di Nino Del Duca

03-01-2010

 

"C'è permesso? Scusate p' ‘o disturbo,

ma il fatto è urgente, sapite cumme va..."

 

"Nessun disturbo, trasìte e accomodatevi,

ditemi che vi serve, con franchezza,

sarò felice si ve pozzo aiuta'."

 

"Eccu ccà, mio marito mò stà in viaggio,

l'hanno mannàto fore a fatica'

e ‘a casa senza lui nun è cchiù ‘a stessa,

se manca l'uomo ‘a femmena è depressa,

e io mi sento, come dire, priva

di quelle cose ca ‘o màsculo pò dda'.

 

L'uòmmene, lo sappiamo, dint' ‘a casa

spisso ce danno ‘mpiccio, so' ingombranti,

sporcano ‘a tutt' ‘e parte, e spicialmente

si stàie lavanno ‘nterra, so' capace

‘e cammena' pe' coppa e, in quei momenti,

quase quase ‘e vvulìsse strafuca'...

 

Però, senza di loro ‘a vita è triste,

nun saie tu stessa che vulìsse fa',

si tiene un non sò cchè..., qualche esigenza,

ce vo' qualcuno ca ‘a pò soddisfa'.

 

Pirciò sono venuta, per pregarvi

di prestarmi ‘nu poco, non per molto,

vostro marito, ‘na cosa ‘e pressa ‘e pressa,

vi giuro, nun ‘o faccio trapazza'...

E poi, quando ritorna mio marito,

‘stu favore v' ‘o faccio ricambia'."

"Gesù... ma vuie sarràte asciùta pazza?!

Va bbene che abitiamo porta a porta

e spisso ce prestàmmo qualche cosa,

ma ‘sta richiesta credo sia eccessiva.

Si v'è venut' ‘o ggenio, si ve prore...,

spennìte a ‘n'ata parte.  A mio marito

io non lo sparto con il condominio...

Ma vuie vedite che s'hadda passa'!"

 

"Signo', ma voi che dite? Io non capisco,

per una cosa ‘e nisnte vi alterate...

Vostro marito mica me lo mangio,

lui stesso me lo disse ‘mmiez' ‘e scale:

"Quando volete, stò a disposizione"

e siccome mi pareva ben disposto,

volevo approfitta' dell'occasione.

 

Mò vène ‘o friddo, e a me che dormo sola

ce vo' ‘a cupert'‘e lana ‘mbuttunata

ca stà astipàta in alto, ‘ncopp'armadio.

Vostro marito è luongo e facilmente

m' ‘a putèva piglia'- Chist' è ‘o favore

che avevo chiesto, e vuie, malignamente

chissa' che pensavate... A questo punto

v' ‘o vvoglio di' molto sinceramente,

vostro marito a me dà l'impressione

‘e chi , avvacante, già và bbuono càrreco.

Quello mi sembra un morto che cammina,

tenitavìllo bello caro caro

a ‘stu mamozio.  Chi v' ‘o vo' tucca'? (*)

 

(*) Mamozio = sciocco

Il palinsesto di oggi