Le poesie

Le conferenze

di Nino Del Duca

23-01-2010

Io vaco spisso a senti' ‘e conferenze

pecchè penso che è una gran bella cosa,

si tiene ‘e recchie bone e ‘o ppoco ‘e tiempo,

sapere quale songhe ‘e nuvità.

 

Cierti vvote fà friddo, ce stà ‘a neve,

e mia moglie borbotta: "Che vvaie a ffa'?

Ormai sì vviecchio, stai quasi all'ata parte,

che te ne ‘mporta ‘e chesti conferenze...

Alla tua età ti ha sulo arrepusa'!"

 

Forse ha ragione, ma che posso fa'?

A me me piace ‘e sta' ‘ncummertazione, (1)

e po', il cervello soffre se non l'ecciti,

si guasta quando smette ‘e funziona'.

 

E se si guasta, cumme ‘a miette nomme?

Non capisci più niente, arrassusia...

Pirciò me metto ‘n'ata maglia ‘e lana

pe' me scansa' ‘e pigliarme ‘na brunchìa (2)

e, all'ora stabilita, stongo llà.

 

M'assetto e guardo ‘nfaccia all'oratore,

mi diverto a vede' quello che fà.

I principianti sono un po' nervosi

e se guardano attuorno spaventati

da tant'uòcchie ca ‘e fissano in attesa,

po' nun appena pigliano curaggio,

tirano fuori fiumi di parole

(tutte a puntino, messe bene in riga...)

ca ce vulesse ‘a diga p' ‘e  fferma'.

 

Ma quelli che mi danno assai cchiù sfizzio,

mentre li osservo prima ‘e accumincia',

sono gli esperti, che guardano l'udienza

come un cuoco che valuta i pollastri:

- già sape cumme l'hadda cucena'. -

 

Pe' primma cosa se squadrèano ‘a sala

per capire l'umore della gente,

‘a quale parte stà tiranno ‘o viento...

e acconciano il discorso in modo tale

che l'uditorio certo applaudirà.

 

Se l'argomento è alquanto controverso,

dimostrano la loro abilità

nell'evitare ‘e mettersi in difetto,

mettènno nmièze, ce azzecca o nun ce azzecca

con il discorso, ‘na bella citazione

o ‘na frase in latino (fa assaie effetto...)

 

Non è che cambieranno ‘e ccarte in tavola,

perchè sarebbe una disonestà,

ma le giocano in modo raffinato

dicendo e non dicendo, e fanno in modo

ca pure si te dìceno bucìe,

pare ca t'hanno ditto ‘a verità.

 

E po' vène ‘o cchiù bello - Le domande

delle persone in sala all'oratore.

La maggior parte so' già combinate

per fargli fare sfoggio di cultura,

però c'è sempre il tizio, un po' cretino

ca nun sape che dice, e si fa avanti

per godere (e gloriarsi con gli amici)

del suo momento di "elebrità".

 

‘Sti conferenze pe' me so' ‘nu spasso

al quale nun me sento ‘e rinunzia'.

È come se assistessi a uno spettacolo

in cui gli attori, inconsapevolmente,

nel recitare ognuno la sua parte,

mi dimostrano, in modo veritiero,

di come a volta si usa la parola

non per parlare, ma solo come suono

ca ‘ntron ‘e recchie senza dire niente,

sulamente p' ‘o sfizzio ‘e chiacchieria'.

 

Però non sono uguali, gli oratori:

Ce stà chi veramente tène ‘a dìcere,

chi nun capisce niente e vo' parla'

e chi, ammuccànno chiacchiere alla gente,

si crea la fama di essere un sapiente

che ha le ricette giuste ed appropriate

pe' sana' ‘e rogne della società,

ma che assai spesso è sulo ‘n atu fesso

alla ricerca di notorietà.

 

Leggenda:

 

(1) ‘ncummertazione =  tra la gente

(2) Brunchìa = Bronchite

 

 

Il palinsesto di oggi