Le poesie

O fatto è niro (...ma se pò accuncià)

di Nino Del Duca

07-02-2010

Doppo d' ‘a guerra, sissant'anne fa,

ascètte ‘na canzona ca diceva:

" ‘O fatto è niro, niro cumm' a cchè".

 

Chella canzona avette assai successo,

tanto ca pure mò ‘a sient' ‘e canta';

è ‘nu mutivo allèro, e le parole

raccontano, ma senza fa' tragedie,

anze, redènno con filosofia,

‘na storia ca ce avessa fa' penza'.

 

Chelli creature dalla pelle scura

ca nascèvano dint' a tante case

(effetto della guerra e della fame)

non hanno mai creato dei problemi;

‘a ggente cumpiatìva - " ‘Sti nennìlle

erano pure lloro figlie ‘e mamma".

 

In Italia, dìceno ‘e storie antiche,

ce so' passati barbari e invasori

e ‘a ggente s' ‘e ‘mparata ca a ‘stu munno

‘o friddo, ‘a famma, ‘a sete, ogne dulore,

ca tu sì bianco, niro, russo o giallo,

so' semp' ‘o stesse, nun bàdano ‘o culòre.

 

Dìceno pure chesto, che, in passato,

gli italiani ca iètteno luntano

a cerca' ‘e mezze pe' pute' campa';

affamati, pezziente, ma cu ‘e bracce

forte e decise, e ‘a voglia ‘e fateca',

furono accolti, spisso malamente

da chi, con mente ottusa, diffidava

e derideva ogni diversità.

(E chistu fatto quanta dispiaceri,

quanta lacreme amare ha fatto fa'...)

 

Ma mò, ca ‘a storia ormai s'è capovolta

e àta ggente affamata e disperata

vène in Italia per ricominciare,

pe' ce da' ‘o ppane ‘e figli, per esistere,

certi italiani (ma è ‘na minoranza)

vorrebbero trattarla cumm' ‘e bestie,

senza cuscienza e senza umanità,

(facènno, inoltre, ‘na cattiveria inutile,

le masse umane che premono ai confini

nessuna forza o legge ‘e pò ferma').

 

Un po' di tolleranza è necessaria.

L'Italia, madre della Civiltà

(come, orgogliosamente, ce vantàmmo)

nun hadda fa' ‘a matrigna senza core.

 

Ìo nun dico ca avìmma arapi' ‘a porta

ed invitarli: "Venìte ‘a part' ‘e ccà"

ma, con misura, stando bene accorti,

dàmmele ‘o canzo, a chi vo' fatica'.

 

E po', dicimmencèll' ‘a verità,

mò gli italiani se scòcciano ‘e fa' ‘e figli

(che fine ha fatto il tanto decantato

maschio italiano? L'è passat' ‘o ggenio?)

Ce stanno pochi giovani e assai vecchi

- e ‘o viècchio ‘a terra nun ‘a pò zappa' -

 

Si continuammo amcora ‘e chistu passso,

stammo ‘nguaiàte.  ‘A fatica, chi ‘a fa'?

 

Pirciò, accogliendo queste nuove forze,

pigliàmmo dduie picciune cu una fava:

facìmme bene a chi n'ave bisogno

e pensando al futuro ca mò è niro

(la denatalità è un problema grave,

mancherà chi produca le risorse

pe' da' a magna' a ‘sti viecchie in eccedenza)

‘e fatte nuoste cercammo d'accuncia'

Il palinsesto di oggi