Le poesie

Diverbio tra sorelle. (L'Onestà, la Giustizia e la Pietà)

di Nino Del Duca

27-10-2007

Stanno dint' ‘a stessa casa (...'ncapo a nnùie)
tutte ‘sti  ssòre, ‘e bbone e ‘e malamente,
e ognun' ‘e lloro cerca ‘e ce cunvìncere
cu' ‘nu ragionamento differente.

L'Onestà, ch'era stata maltrattata
dalla sorella ‘nzìsta Avidità
cchiù de ‘na vòta, stèva assaie nervosa
e ghiètte da Giustizia a protesta'.
"Sora mia, tu sì chella ca cumànna,
fà qualche cosa, fàmme rispetta'!"

Giustizia rispunnètte  "Tu hai ragione,
troppa ggente ha perduto ‘ovèro ‘o scuorno,
e arraffa e arrobba senza dignità"
e decidette ‘e fa' veni' ‘o scatascio,
- sotto a chi tocca - senza se ferma'.

Che succedètte! Parèva ‘o terramoto...
tutti i Grandi Ladroni in guanti gialli
tremarono: "È fernùt' ‘a zezzenèlla,
vedìmmo ch'‘amma fa' pe' ce scanza'!"

Ci fu chi s' ‘a pigliàie  c' ‘o pizzo a rriso
(tanto, ‘o malloppo stèva già ‘o ssicuro...)
chi, facènno a vvede' ca s'era offeso,
fece ‘a querela e se chiammàie ‘o Paglietta,
chi, penzànno ‘a galera  e ‘o scuorno ‘nfaccia,
decise il passo estremo e s'accirètte.

‘A Pietà, ca se ‘ntrica ‘e tutte ‘e fatte
e tène sempe ‘a lagremèlla pronta,
se facètte afferra' comme  ‘na pazza,
iève alluccànno: "Chistu ccà è ‘n affronto,
‘sta Giustizia stà ‘overo esaggerando,
è addiventata troppo superbiosa,
se crère ch'essa è ‘a meglie ‘e tutte quante,
e vulèsse cagna' uòmmene e cose".

Il diverbio divenne generale;
ognuno pretendeva ‘e cumanna',
l'Onestà stève già tutt'appauràta
pecchè ‘a Giustizia quasi trabballava
sotto l'assalto dell'Ipocrisia,
che, facendosi scudo d' ‘a Pietà,
tentava ‘e piglia' a schiaffi ‘a Verità.

Proprio dint' ‘o cchiù peggio d'ammuìna
se sentètte ‘na voce.  ‘A  Libertà
ch'era stata in disparte ad osservare,
dicètte: "Chist'è proprio ‘nu  taluòrno,
stàteve zitte e facìteme parla'.
L'Onestà dev'essere illibata...
(si fà ‘a puttana, nun è cchiù Onestà).

La Giustizia, per essere creduta,
dev'eseere decisa ed efficiente,
pronta e severa (ma senza crudeltà)
...e senza abbucca' ‘a capa ‘a  ccà e ‘a  llà,

e tu, Pietà, che ti agiti all'eccesso,
cerca ‘e capi' che in certe circostanze,
chi è troppo buono ‘o pìgliano pe' fesso.
...'A ggente s'è stancata - non ci stà -
vo' sape' ca chi sbaglia àdda pava'!

Pirciò, vi prego, lassàte sta' ‘a Discordia,
mò spicialmente ca stà sagliènno a galla,
cumme sàglieno a galla ‘e...  (no, è volgare)
‘na chiòrma ‘e ggente, Dio ci scampi e liberi,
ca vulèsse distruggere - ma è pazza?-
Quell'Unità che i Padri hanno costruito
sacrificando spisso pure ‘a vita!

Si cuntinuàte cu' ‘sta jacuvèlla
voi mi uccidete, ce stà poco ‘a fa',
e doppo sarà inutile il "MEA CULPA"
si perdìte ‘a "Sorella Libertà"!





Il palinsesto di oggi