Le poesie

Il piacere di leggere

di Nino Del Duca

21-02-2010

A me me piace ‘e leggere - Ogni cosa:

libri, giornali, lettere, ricette,

i cartelloni d' ‘a pubblicità,

le insegne dei negozi, le etichette,

finanche ‘e "bill" (...ca po' aggia pava'),

...e pure gli slogan scritte ‘mpiette

sulle magliette - È un vizio, c'àggia fa'...

 

Certe volte la cosa è imbarazzante,

‘na guagliona dal seno prosperoso

ca io sbirciavo (...per leggere la scritta!)

Me dicette: " E nun stà bene, ‘ono',

all'età vostra, sperite inutilmente... (*)

Nun c'esce niente, iatevènne,... sciò!"

 

Ciert'ati vvote, invece, me cunsolo

liggenno qualche fatto interessante.

Oggi ho letto che il Sole, anche se è vecchio,

ci darà la sua luce e il suo calore

pe' n'ati dduie o tre milioni d'anni

e quindi pozzo sta' senza penzière,

finchè c'è il Sole pò ancora schiara' juorno

su questa Umanità sempre in affanno.

Ve l'àggiu ditto, per me la lettura

oltre a un piacere è una necessità.

Stò dispiaciuto pe' ‘na sola cosa

che, pur volendo, nun ‘a pozzo fa':

leggere sulla mia pietra tombale

quello che, chi m'aterra, scrivarrà.

 

Ed ho il timore che ce starrà scritto:

"Qui giace un sognatore un po' bislacco,

un idealista che parlava al vento

senza capi' che i sogni e gli ideali

nun songhe cose ca te può magna',

e chi parla di pace e fratellanza

parla a vacante, tanto pe' parla'..."

 

La gente, indaffarata e indifferente

nun se ne ‘mporta ‘e chesti ccose ccà,

e, si sente a qualcuno che la esorta

alla bontà, all'amore, all'onestà,

dice ridendo: "Il solito cretino

ca nun cunchiure... Ma a chi vo' scuccia'?"

 

(*) Sperire = desiderare ardentemente

 

Il palinsesto di oggi