Le poesie

Ddoie mamme? (a proposito della procreazione assistita)

di Nino Del Duca

28-02-2010

"Mammà, ma come nascono i bambini?

 

‘Na vota, nel rispondere, le mamme,

un po' a disagio dato l'argomento

raccontavano favole poetiche

per illustrare i fatti della vita

ai loro figli, che naturalmente,

poco convinti delle spiegazioni,

cercavano, parlando tra di loro,

‘e capi' cumme stève ‘a situazione.

 

‘E chilli tiempe, data l'ignoranza,

pure le mamme sapevano ben poco

dei complessi misteri del procreare.

Doppo spusate e fatta ‘a luna e' miele,

si nun ce steve qualche cosa strana

dovevano chiamare la "vammana" (1)

 

Se poi qualcuna non aveva figli,

adottava " ‘nu figlio d' ‘a Madonna"

e s' ‘o criscèva con lo stesso amore

‘e ‘na criatura soia - ‘nu piezz' ‘e core!

 

Oggi, invece, le mamme (‘nziem' ‘e pate),

prima d'avere un figlio, fanne ‘e cunte

cumme a quanno s'accatt' ‘o frigorifero,

e, si a spesa nun fa' quadra' ‘o bilancio

trovano ‘e mezza pe' nun ‘ 'o fa' arriva'.

E po' ce stanno chelle senza figli

ca pe' sfortuna nun ‘e ponno fa'

e cercano, coi mezzi della tecnica,

di avere un bimbo, nato dal suo grembo,

ma con l'uovo di un'altra...E che bonora!

‘E figli songhe figli, nun so oggetti

costruiti con l'aiuto delle macchine...

Chest'è proprio ‘na cosa ca nun stà!

‘Nu figlio cu' ddoie mamme? È mai possibile

trovare giusta questa assurdità?

 

Io ammetto tutto.  ‘A scienza ave raggione

quando studia e combatte ‘e malatie...

 

Però, Dio ce ne scampi... Arrassusia...

Quando vuole forzare la Natura

e con l'aiuto dei cervelli pazzi,

sovverte la ragione e la morale,

se scorda ca a nuie ‘a vita ce ‘a dà Dio,

non le provette'e cellule mmiscate

con cui dei folli se mettono a pazzia'.

 

* Vammana = Ostetrica

Il palinsesto di oggi