I consigli di Laura

Che tristezza guardare le foto di quando si era giovani

08-12-2015

 

Cara Laura,

gli anni passano per tutti e  quando te ne accorgi la tristezza arriva inevitabilmente. 

Qualche giorno fa, sono stato a cena da una mia cara amica, che conosco davvero da una vita. Con lei ho fatto le elementari, le schole medie e  l'Università e poi, dopo tanti anni,  ci siamo ritrovati entrambi a New York. Ero con mia moglie e, come spesso succede, a un certo punto, abbiamo deciso di guardare le foto di quando eravamo ancora ventenni. 

Non ti riesco a descrivere la sensazione che ho provato. Ero così fresco, magro e affascinante. Quasi l'avevo dimenticato com'ero un tempo. Ora, invece, sono circa il doppio e poi tante, tante rughe e uno sguardo incupito. 

Guardando quelle foto è scattata una molla. Ho deciso, infatti, che non è ancora giunto il tempo di lasciarsi andare. Quindi, da oggi  inizierò la dieta e a far sport. Voglio che mia moglie ritorni a guardarmi con la stessa espressione di quando eravamo giovani. Lei è ancora bellissima e al suo fianco deve esserci un uomo che faccia anche lui la sua figura. 

Continuare ad amarsi e piacersi, forse è questo l'unico segreto per vivere felici. Spero di avere grande forza di volontà e non cedere subito, come ho sempre fatto, alle tentazioni.

Claudio

 

Caro Claudio,

chi non sospira vedendo le foto di quando eravamo giovani! Guai a rifiutare l'idea di invecchiare, perchè questa è una fase della vita, come le altre. Ogni fase porta qualcosa di nuovo, alcune positive, altre meno. Appoggio la tua determinazione nel voler prenderti cura di te, della tua salute e, perchè no,  del tuo aspetto. Facciamo un patto: tra un anno mi scrivi una seconda lettera  e mi racconti come è andata.

Scrivete a: Laura, c/o America Oggi,

475 Walnut Street, Norwood, N.J., 07648

 

Il palinsesto di oggi