I consigli di Laura

Giuseppe è nauseato dai "minestroni" della Rai

16-03-2016

 

Cara Laura,

chiedo venia per questa mia personale idea.

È inammissibile che per l'intera settimana la Rai ci propone i medesimi programmi.

Forse per loro saranno "culturali" ed io rispetto le opinioni altrui, ma vederli una volta sola sarebbe la cosa giusta. Che mi debba sciroppare le stesse cose giornalmente diventa una cosa pesante e stomachevole. Ecco il perché li ho definiti "minestroni".

I signori della Rai credono che gli italiani che vivono qui si siano rincitrulliti, ma si sbagliano completamente. Sicuramente ho una certa età ma non sono così cretino da non comprendere quello che vedo.

Non voglio elencarvi i nomi di questi famosi programmi, ma quello che mi colpisce di più e "Medicina 33". Questo numero mi ricorda la mia gioventù, ricordo che quando mi recavo dal medico e mi metteva l'orecchio dietro le spalle, mi chiedeva sempre di dire il numero "33".

Inoltre vorrei suggerire al produttore del programma "Camera con vista" di cambiare questa benedetta finestra perché è diventata vecchia per cui è soggetta alle tarme.  Per una buona volta dico ai signori della Rai di finirla di prenderci per i fondelli. Mi scusi signora Laura per la mia ironia e per gli errori grammaticali. All'età di 86 anni è comprensibile.

Saluti a tutti voi del giornale e grazie anticipatamente per la pubblicazione di questa mia lettera.

Con osservanza,

Giuseppe Aletto

Caro Giuseppe,

innanzitutto lasci che le faccia le mie congratulazioni per la sua veneranda età ma, soprattutto, per la sua acutezza mentale e per il suo senso di humor. Purtroppo per quanto riguarda la Rai io non so cosa risponderle. E, purtroppo, ricevo continuamente lettere di lamentele appunto per i programmi che sono sempre uguali o, peggio,  molto vecchi. Spero solo che la situazione prima o poi cambi.

Scrivete a: Laura, c/o America Oggi,

475 Walnut Street, Norwood, N.J., 07648     

Il palinsesto di oggi