Le poesie

Autonomia (Donna Rusina vulesse ‘nu nepote...)

di Nino Del Duca

22-06-2008

Autonomia
"Giacumi', tu stasera si' cchiù bello,
pare ‘nu giuvinotto ‘e primma uscita!"

"Rusi', ma a chi vuo' sfòttere, ch'è stato?
Tu certo stai pensànno a qualche acquisto...
Ma lievetèll' a capo, nun è cosa,
‘a sarda è secca, avìmma sparagna'".

"Ma quanne màie! ...Nun voglio accatta' niente,
però mi servi tu impellentemente
e sarràie certamente assai cuntento
quanno te dico ‘o fatto cumme stà".

Donna Rusina tène quarant'anne
ed ha tre figli.  Si sposò assai giovane
(l'avètta fa' - a quel tempo Giacomino
era fucùso e fècero ‘a "FUIARELLA").

Nàcquero due gemelle  - Cumme ‘a mamma
se so' spusate pure lloro ‘e pressa,
ma niente figli.  Pirciò donna Rusina
(ca stà ‘nguttosa, vulesse essere nonna)
ha detto a entrambe: "Piccere', sentite,
parlate chiaro! Chisti dduie mamozie,
il primo dei doveri di un marito,
dicìteme ‘nu poco, ‘o sanno fa'?".

Poi si è sfogata col suo Giacomino:
"Ma comme, ‘e ffiglie mèie songhe spusate
già da due anni ed io non ho un nipote...
Vincenzino mi dà poche speranze,
è giuvinotto, tène cchiù ‘e vint'anne,
ma non l'ho visto maie cu ‘na guagliòna!

Giacumino ha sentito ‘a tiritèra
e la consola: "Nun te preoccupa',
vedrai, col tempo..."  Ma lei si ribella:
"Io nun voglio aspetta' - la voglio adesso
‘na criaturèlla da pigliare in braccio,
da accudire, cullare, accarezzare...

A me ‘sti matrimoni senza figlie                        
me fano piglia' proprio ‘a nervatura,
pirciò si ‘e ffiglie mèie nun so' capace
‘e darme ‘nu nepote, io nun so' fessa,
vuol dire che provvedo da me stessa
(col tuo aiuto, s'intende, Giacumi')

Dimostreremo a chisti "pappamolla"
chello ca nuie simmo capace ‘e fa'
e, pe' farte cuntento, questa sera
ti ho preparato una cenetta "esotica"
(l'ho letta nei Consigli di Cucina)
dice ca è rrobba ca te fà ‘nfuca'.
Ce la faremo al lume di candela
e doppo, senza perdere altro tempo,
andremo a letto - Ce avìmma da' da fa'.

Il palinsesto di oggi