Le poesie

‘E scarrafune

di Nino Del Duca

06-07-2008

Ogge parlavo cu' ‘nu prufessòre
che insegna scienze all'Università.
"Totò" - m'ha ditto - "me so' sfasteriàto,
nun saccio proprio cchiù cumme àggia fa'.

Ho tentato di tutto: ‘e polverine,
insetticidi di ogni qualità,
‘e scatulèlle sott' ‘o lavandino...
àggio pure appilàto ogne pertùso
dint' ‘a cucina, ma stànno sempe llà.

Quanno, dint' ‘a nuttata, appiccio ‘a luce
pe' gghi' int' ‘o bagno, ce stà ‘a maratona,
còrron' annanze e arrèto cumme pazze,
si scanzano con mille giravolte
per evitare ‘e farse scarpesa'".

"Ma come - ho commentato - insegni scienze
e non ti rendi conto che è impossibile
liberarsi di loro?  Sono eterni...

Sono stati capaci ‘e sopravvivere
ad ogni guerra, ogni calamità,
hanno vissuto, anzi hanno prosperato,
fin dai primordi dell'Umanità.
Anche se te ne liberi, è per poco,
tornano sempe, ce stà poco ‘a fa':
A riprova di ciò ti dico un fatto,
ultimamente, siènte ch'è succièso:
‘Nu gruppo ‘e scarrafùne, imbaldanzito
da un successo imprevisto (...e immeritato)
se vo' infiltra' ‘int' ‘e ccucine ‘e ccà,
pirciò è venuto apposta dall'Italia
e, ‘nzieme ‘e scarrafùne ‘e chesti  pparte,
se so' riunìti int' a ‘n albergo ‘e lusso
ed hanno fatto un piano che, in futuro,
potrà infestare la Comunità.

Non dico di vietarne l'esistenza,
anche se parassiti, la Natura
(chissà perchè...) ha criàto pure a lloro,
però, attenzione, s'hanna controlla'.

Se diventano troppi (so' prolifici,
si cibano di tutto, ogne schifezza
è buona, abbasta ca ponno mangia')
trasformeranno ‘e ccose a modo lloro,
e un mondo addo' cummanna ‘o scarrafone
ch'è abituato a campa' ‘int' ‘a munnèzza,
diventerebbe solo un luogo sporco
dove la gente (quella che è pulita...)
decentemente, nun ce pò campa'!"



Il palinsesto di oggi