Le poesie

Capodanno

28-12-2008

Ogni anno nuie sperammo che le cose
con quello nuovo cambieranno in meglio
e, puntualmente, quando è mezzanotte,
alziamo in alto ‘a coppa di sciampagne,
scambiandoci gli auguri ed j propositi
di una vita più sana e senza eccessi,
e puntualmente ce facìmmo fessi...

Nuie ce vuttàmmo ‘ncuorpo, senza scrupoli,
primmo, sicondo, terzo, ‘a frutta, ‘o vino...
Po' ce facìmmo ‘a fetta ‘e panettone
e cu' ‘a scusa di un po' di tolleranza,
come a ogni festa, ce abbuffàmmo ‘a panza.

Ma chesto nun fà niente, perchè passa,
quello che conta è che, con l'anno vecchio,
dovremmo buttar via le cose inutili,
che sò, ‘na vecchia suocera ingombrante,
o ‘a cugnata bisbetica e zitella,
oppure ‘o nonno, ca è mièzo ‘nzallanuto
e dice sempe: "‘E mièie...che tiempe belle!"

No, stò scherzando, perchè ‘a parentela
nun l'avìmma tucca', ‘e vulìmmo bbene...
Ma di quelli che, ormai s'è già capito,
restano sempre a gala a ogni maretta
e ce fanno prumesse ‘e marenàre,
dovremmo veramente liberarcene,
so' "OBSOLETI "che n'avìmma fa'?

Si a mezzanotte nuie ‘e buttàmmo abbascio
‘nzieme cu ‘a rrobba  rotta ‘e ‘int' ‘o cascione,
facìmmo ovèro ‘nu servizio buono
e l'anno nuovo sarà cchiù pulito
senza tutt'‘a munnezza ‘e chesta gente
ca pìgliano ‘a politica a pazziella
e ‘a fanno sulo pe' n'approfitta'.

Però pare che questo sia impossibile,
ce stà chi insorge e dice: "Sìte pazze!
Senza ‘mbrugliùne ‘o munno nun funziona,
‘e ggente oneste songhe troppe poche
e po', si ‘e ccose vanno malamente,
senza ‘mbrugliùne, ‘a colpa a chi ‘a puo' dda'?

Ma io non condivido ‘sta protesta,
e vulesse ‘nu munno senza guaie,
senza guerre e i pazzi che ‘e scatènano,
senza bambini laceri e affamati,
senza patrùne ‘e casa troppo esosi,
e, anche se vi sembro esagerato,
cu ‘a panza chiena e ‘e dièbbete pagati.

L'anno nuovo sarà ‘nu poco meglio?
Speriamolo, ma senza ce fissa'...
L'unica cosa certa è che la vita
continua, e ‘o munno gira e girerà.
Pirciò, pigliammancèlla alleramente,
fin quando dura...e tiràmmo a campa'!

Il palinsesto di oggi