Le poesie

'male tempo

di Nino Del Duca

11-01-2009

Chistu fetente ‘e friddo c'aìmmo avuto
(ca pure aizànno ‘a stima (1) fino al massimo
stìve int' ‘a casa come in frigorifero)
mi ha fatto ripensare ad un amico
che mi capita spesso di incontrare.
È ‘nu brav'ommo, ma non condivido
il modo suo di ragionare.

Ha una famiglia molto numerosa,
per mantenerla s'hadda da' da fa',
ma, comunque, è contento, e da tre mesi,
per la settima volta, lui è papà.

Quando gli chiesi, nel congratularmi,
che cosa lo spingeva (visti i tempi
non certo adatti a tale esuberanza)
a incrementare tanto la famiglia,
si è risentito: "Nun è colpa mia
si ogn'anno a me s'aumenta la famiglia.

È ‘o male tiempo che mi  crea il problema,
‘a neve, ‘o gghiaccio, ‘o friddo dint'all'osse...
Cerco il tepore, e p' ‘o pute' truva'
me ‘nfilo dint' ‘o lietto a primma sera,
stretto a mia moglie, pe'me riscalda'.
‘O calore, se sàpe, sceta ‘o sanghe
...e il resto non è il caso ‘e t' ‘o spiega'.

Però, chist'anno, credo che ‘a famiglia,
malgrado il freddo, non aumenterà...
Per il passato, nel tornare a casa,
dopo il lavoro, tutto infreddolito,
io dicevo a mia moglie: Per piacere,
famme ‘na tazza ‘e brodo, ma vullente,
po' viene affianco a me, fàmme scarfa'.

Essa era stata sempe consenziente
ma negli ultimi tempi ha detto: È inoff!
Stavòta, caro mio, nun me fai fessa...
Ti ho preparata ‘na bella borsa calda,
abbracciatèlla e nun me sfruculia'!
Stongo ancora allattànno a Giacumino,
l'ottavo figlio nun ‘o voglio fa'!".
Io credo che sua moglie abbia ragione,
‘e fèmmene, lo so, dànno calore,
starle vicino ce fà cunsula'...
Però dobbiamo avere più rispetto,
pe' "scarfalietto" nun l'avìmma ausa'.

(Anche pensando a ciò che può succedere,
che, senza dubbio, è assai gratificante,
ma ha conseguenze, e, si nun staie accorto,
te truove cu' ‘nu reggimento ‘e figli
e " ‘o friddo ‘ncuollo" p' ‘e pute' sfama'")

(1) Stima :   Steam = Vapore/Riscaldamento    

Il palinsesto di oggi