Dall'Italia

Salerno. Ubriaco alla guida piomba su di un'auto. Morti tre bambini

14-07-2007

SALERNO. In un tamponamento tra due auto sono morti tre giovanissimi: l'incidente è avvenuto sulla A30 Caserta-Salerno, tra Castel San Giorgio e Nocera. Nell'impatto hanno perso la vita due bambini di 6 e 10 anni mentre un undicenne è deceduto in ospedale. Nel Salernitano morto un altro giovane. Una cittadina svizzera è invece morta sulla A14  tra Foggia e Cerignola. A Codroipo (Udine)  un undicenne ha perso la vita in uno scontro.

Guida in stato di ebbrezza

Secondo i primi accertamenti guidava in stato di ebbrezza l'uomo che ha causato il tamponamento, che è costato la vita a tre bambini. Contuso, con una prognosi di cinque giorni, Stefano Conte di 24 anni, originario di Casalnuovo (Napoli) è indagato per omicidio plurimo colposo. L'uomo, era da solo a bordo di una Audi A3 quando ha tamponato l'Alfa 166 a bordo della quale viaggiava sette persone, tutte appartenenti alla stessa famiglia di Mercato San Severino (Salerno). La poca distanza di sicurezza e, si presume, l'alta velocità, hanno fatto sì che l'Audi tamponasse l'Alfa facendola carambolare contro il guard rail. Al successivo test sulla presenza di alcool nell'organismo effettuato all'ospedale Umberto I di Nocera, Conte ha fatto registrare un tasso pari allo 0,7% superiore al massimo consentito dello 0,5%.  Le vittime sono due fratellini di 11 e 10 anni, Gerardo e Sabatino Molinari, e un loro cuginetto di 6 anni, Michele Landi. Gerardo e Michele sono giunti già privi di vita all'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, mentre Sabatino, inizialmente in prognosi riservata, è deceduto all'ospedale Santobono di Napoli.

Alla guida dell'auto c'era Aniello Molinari, imprenditore edile di 45 anni. Con lui anche la moglie, Anna Vassallo, anche lei di 45 anni. A bordo anche la sorellina di due delle vittime, Annamaria Molinari, 7 anni, e la mamma di Michele Landi, Antonietta Vassallo, sorella di Anna. 

Altra vittima in Campania

Un giovane è deceduto e un altro è rimasto ferito in modo grave sulla statale 18, all'altezza del comune di Casalvelino. La Fiat Punto con a bordo i due giovani si è schiantata contro un muro di contenimento prendendo fuoco poco dopo. I due sono stati estratti dalle lamiere prima che l'auto s'incendiasse. P.D.L, di 20 anni, originario di Omignano Scalo, alla guida dell'auto al momento dell'impatto, è morto poco dopo il ricovero in ospedale. In condizioni gravissime anche un diciottenne originario del posto ma residente a Modena, attualmente ricoverato in prognosi riservata presso l'ospedale San Luca di Vallo della Lucania. 

Sangue a Foggia

La donna svizzera è deceduta per il tamponamento tra un'autovettura ed un mezzo pesante. In corso le indagini per accertare le dinamiche degli incidenti, probabilmente dovuti - ipotizza una nota di Autostrade per l'Italia - a distrazione, colpo di sonno e insufficiente distanza di sicurezza. La donna, che non aveva con sè documenti, viaggiava sul posto accanto al guidatore. Con lei c'era suo marito, che era alla guida della vettura, e suo figlio, rimasti feriti in modo non grave. 

La tragedia di  Udine

Un bambino di 11 anni residente ad Aviano (Pordenone) ha perso la vita la scorsa notte a Codroipo, sulla statale "Pontebbana". Il bambino era a bordo dell'auto guidata dal padre che, per cause imprecisate, intorno alle tre, è uscita di strada finendo contro un albero. Il bimbo è morto durante il trasporto in ospedale; il papà, il nonno e un amico di famiglia son rimasti feriti e sono ricoverati negli ospedali di San Vito al Tagliamento e Udine. 

Strade intasate per il week-end

Intanto ha preso in contropiede persino le pattuglie della Polstrada l'assalto alle località di villeggiatura del litorale veneto che si sta verificando già dal primo mattino. La situazione è particolarmente critica alla barriera di Villabona, a Marghera (Venezia), della A4, direzione Trieste, dove attualmente la coda di veicoli è di otto chilometri. Situazione non migliore lungo la statale 14 Triestina e lungo la Jesolana: le auto dirette alle spiagge adriatiche sono bloccate già a Ca' Noghera, all'altezza di Tessera.

 

Il palinsesto di oggi