Cultura

Beverly Sills

Lirica. Addio Beverly. Tributo del Met alla Sills

di Franco Corsaro

18-09-2007

NEW YORK. Domenica pomeriggio il Lincoln Center for the Performing Arts, la Metropolitan Opera e la New York City Opera, hanno dato l'addio al grande soprano Beverly Sills, morta all'età di 78 anni lo scorso 2 luglio a New York. In un teatro gremito in ogni ordine di posti, erano presenti i familiari dell'indimenticabile soprano, personalità del mondo delle arti e della politica, cantanti anziani e giovani, fra cui il grande tenore Placido Domingo e il grande pubblico di melomani a cui il nuovo sovrintendente Peter Gelb ha regalato 2800 biglietti.

Questo "tributo" di parole, video, e musica, fra cui gli elògi dei diversi speakers, le immagini sul grande schermo della cantante protagonista nei diversi ruoli, e la presenza di cantanti e pianisti, hanno regalato una serata piena di ricordi ed emozioni.

Per descrivere le molte qualità della Sills, possiamo citare le parole del corrispondente del New York Times: "Opera's great popularizer. Master fund-raiser and above all, a soprano voice of sparkle, charm and brilliance". A questo si aggiunge il sindaco di New York Michael R. Bloomberg con: "She lit up our city and the world beyond", e poi ha aggiunto "She was America's queen of opera" riferendosi alla sua insuperabile interpretazione della trilogia inglese delle opere di G. Donizetti: Roberto Devereux, Anna Bolena e Maria Stuarda.

Nella parte musicale ha brillato il tenore Placido Domingo che, come sempre in grande forma, ha cantato accompagnato al piano dal super maestro James Levine la elegiaca aria "Ombra mai fu" dall'opera "Serse" di Handel.

Il soprano russo Anna Netrebko (la Giulietta della prossima stagione al Met), ha cantato la melanconica "Nightingale and the Rose" di Rimsky-Korsakov.

Il basso John Relyea ha offerto "An die Musik" di Schubert, e il soprano francese Natalie Dessay (la Lucia di Opening Night) ha cantato l'aria "Ich wollt ein Strässlein binden" di Richard Strauss.

A conclusione della serata, Henry Kissinger ha raccontato di quando Beverly Sills, ormai ritiratasi dalle scene, gli ha cantato "Happy Birthday" nella versione di Marilyn Monroe.

Alla fine, mentre il pubblico si avviava silenziosamente verso le uscite, abbiamo udito la musica dell'aria "Adieu notre petite table" dalla "Manon" di Massenet, che conclude con la parola: "Adieu ".

 

Il palinsesto di oggi