L'Articolo

Uefa. Empoli, trasferta fatale

05-10-2007

ZURIGO. Empoli sfortunato e anche un po' arrabbiato. I toscani dicono addio all'Europa al primo turno e dopo due sole gare, ma il 3-0 finale a favore dello Zurigo è risultato troppo pesante per la squadra di Cagni. Empoli furioso con il direttore di gara Ceferin che annulla un gol regolarissimo a Marianini sull'1-0 per gli elvetici. Gol che avrebbe riportato la qualificazione dalla parte degli azzurri. È la prima volta ufficiale dell'Empoli fuori dai confini italiani.

Un Empoli seguito da mogli, fidanzate e da oltre mille tifosi. Per lo Zurigo è la seconda volta contro un'italiana e l'85esima volta in Europa. Cagni rispetto alla gara vinta domenica contro il Palermo cambia formazione. In campo i soli Vannucchi e Giacomazzi. Il tecnico toscano varia anche modulo e si passa dal dal 4-2-3-1 al 4-3-2-1 con Abate e Vannucchi che agiscono alle spalle di Volpato. A casa rimangono Saudati e Buscè infortunati. Il primo tiro verso lo specchio è empolese con Marianini. Ma la vera prima occasione è per i padroni di casa con Giacomazzi che perde una palla al limite dell'area e con Rafael che si presenta a tu per tu con Bassi, ma il portiere azzurro è bravo a chiudergli lo specchio.

L'Empoli gioca bene, ma soffre l'intraprendenza di Stahel che Ascoli e Giacomazzi non riescono a limitare. È un Empoli aggressivo a centrocampo che si affida alle geometrie di Marchisio e alla fantasia di Vannucchi. La rete dello Zurigo arriva al 37' con un preciso colpo di testa di Kollar lasciato solo su azione di angolo. A discapito degli azzurri, va detto, che il calcio d'angolo, da cui è scaturito il gol, non c'e assolutamente. L'Empoli accusa il colpo di un gol immeritato. Ci prova Tico dalla distanza, ma Bassi si fa trovare pronto. In pieno recupero rete regolarissima annullata a Marianini per un fuorigioco passivo di Volpato. Un Empoli che rientra negli spogliatoi furioso.

Cagni ad inizio ripresa presenta Pozzi e Giovinco in campo al posto di Vannucchi e Marchisio. Giovinco entra subito in partita e crea grattacapi. Tiro alle stelle di Pozzi da buona posizione. C'è anche un dubbio contatto in area fra Barmettler e Pozzi sul quale l'arbitro fa proseguire. All'Empoli manca, però, la spinta di Giacomazzi, in giornata no, e la profondità di Saudati, mal sostituito da Volpato.

Lo Zurigo allenta la pressione con Alphonse, è bravo Bassi a contentere il tiro. Ancora Empoli che spinge e Giovinco impegna il portiere Leoni, dopo un numero in area. Lo Zurigo è stanco e gioca tutto a difesa della rete di Kollar, ma su un errore di Pozzi, sulla trequarti, lo Zurigo raddoppia. Intuizione di Tico che mette Abdi solo davanti a Bassi.

La gara si chiude ad otto minuti dalla fine, quando svanisce anche il sogno supplementari, con Alphonse che dopo la più classica azione di contropiede mette la palla alle spalle di Bassi. Per l'Empoli rimane il rammarico di quello che poteva essere e non è stato. Di un'avventura bellissima e per il momento unica. Ma questa squadra è pragmatica come il suo allenatore. Ora si volta pagina: domenica ad attendere gli azzurri ci sono il Siena e il Franchi.

Il palinsesto di oggi