I consigli di Laura

Da quando balbetta si è isolato chiudendosi in se stesso

26-10-2007

Da quando balbetta si è isolato chiudendosi in se stesso

Cara Laura,
senza girarci intorno ti dico subito che il mio problema è la balbuzie. Quando discorro con i miei familiari riesco a parlare in maniera fluida, ma già se devo spiegare qualcosa, mi blocco e inizio a balbettare.  
Ho problemi anche quando sono con gli amici: a volte le parole non riescono ad uscire dalla bocca è come se qualcosa le bloccasse e ti  giuro che è una sensazione orribile.  
A volte i miei amici mi prendono in giro, io ci scherzo, ma in fondo la cosa mi crea un imbarazzo enorme. E la cosa più triste è che la balbuzie è sopraggiunta, nel senso che balbetto da quando avevo sedici anni (ora ne ho 25) e prima  non ho mai avuto questo tipo di problema, e quindi la cosa mi fa ancora più rabbia, nel senso che prima ero così allegro, mentre  adesso per me tutto ha perso importanza: i giorni sono tutti  uguali e invece di farmi una difficile chiaccherata (visto che balbetto) con i miei amici, preferisco starmene da solo davanti al computer così almeno per qualche ora mi dimentico di questo mio odioso problema.
                                                                                                             Marco
Caro Marco,
la tua balbuzie tardiva, se così la possiamo definire, ha sicuramente  un'origine psicologica. Dovresti cercare di capire quale episodio "triste" potrebbe averla scatenata, cosa abbia  rotto un tuo delicato equilibrio psico-emotivo dando alla balbuzie (che in questo caso è un sintomo), la possibilità di rappresentare il tuo disagio. È forse un messaggio d'allarme  che hai lanciato agli altri e non è stato raccolto. Devi trovare,  facendoti magari aiutare da un terapista,il modo di guarire dall'angoscia e che ti faccia uscire anche dalla solitudine nella quale ti sei rifugiato.                            

 Scrivete a: Laura, c/o America Oggi,
55 Bergenline Ave., Westwood, N.J., 07675

Il palinsesto di oggi