Le poesie

Povere banche (Usura e piagnistei)

di Nino Del Duca

18-11-2007

Stanno c' ‘o sanghe all'uocchie e cu ‘e capille
tutt' arrizzàte ‘ncapo p' ‘a paura -
Ccà, si succère ‘o ‘ndrànghete, è sicuro
ca parìcchie denàre hanna caccia'.

Povere banche...  Che guaio c'hanno passato
‘a quanno ‘na sentenza ‘e tribunale
ha ditto che prestare del denaro
a un interesse più alto del normale
è contro legge, perchè diventa ususra,
e quindi ‘e sorde presi ingiustamente
devono restituirli a tutt' ‘a ggente.

Ora i banchieri dicono: "Ma comme,
venivano da noi quasi chiagnènno
"...pe' carità, facìteme ave' ‘o mutuo,
comunque sia, anche un po' esagerato,
si no l'appartamento resta un sogno..."
E adesso hanno il coraggio ‘e protesta'?"

"Nun è ca nuie ce sìmmo apprufittate -
dìcene, ‘a copp'‘a mano altri colleghi
-il denaro è una merce, e quando è scarso
costa cchiù caro, e vuie l'ìta pava',
si no ‘e guadagni (lauti) chi c'‘e ddà?

Cèrcano paglia pe' ciènte cavalle
e dicono al Governo: "Vi' che ha fa',
lièvace ‘a cuollo chesta seccatura.
Il sistema bancario nazionale
ne soffrirebbe troppo, e, di sicuro,
tutti ‘sti sorde nun ‘e vvo' caccia'.

Io nun saccio parla' d'economia,
‘o ponno fa' sultanto i competenti.
Si vaco ‘a banca, vedo gli impiegati
ca, biàte a lloro, càmpano int' ‘e sorde.
(Poi ci rifletto e penso: "Ma che dico...?!
Nun so' de ‘lloro, l'hanna sulo cunta'.")

Se invece mi chiedete ch'è ‘na Banca,
il vocabolo è astratto, vi rispondo.
In concreto è un groviglio d'interessi,
di persone che vivono di rendita,
senza fa' niente, ca chiàgneno miseria
pure si ognuno ‘e lloro, ogni azionista,
possiede case, ville, ‘o yacht a mare
e ad ogni costo non vuole rinunciare
ai guadagni che ha fatto ingiustamente                 
apprufittànno d' ‘e guaie ca tène ‘a ggente.

A me me vène a rrìdere penzànno
all'imbarazzo dei poveri politici
che dèvono decidere il da fare:

"Dichiararsi a favore delle banche
(ovverossìa di gente assai potente
ca si se ‘ncazza quanno lle vai contro
te potrebbe inguaiàre la carriera)
o rimanere onesti e fare il giunto
nell'interesse di chi paga i mutui
e non di quelli, già privilegiati,
ca pensano sultanto a s'abbuffa'"

Il palinsesto di oggi