Le poesie

Malizia di moglie

di Nino Del Duca

02-02-2008


"Stuta ‘sta luce, ca m'aggia spuglia'"
Chesta frase, imperiosa e categorica,
don Ciccio la conosce ormai a memoria,
gliela dice sua moglie tutt' ‘e  ssère,
quanno vene ‘o mumento ‘e se cucca'.

Don Ciccio, come sempre, piglia e  ‘a ‘nzerra
(fa parte del rituale quotidiano)
po' chiure ll'uocchie e si figura in mente
sua moglie ca se leva ‘o reggipetto
e questo spogliarello immaginario
per lui è eccitante più della realtà.

Vede la moglie come l'ha veduta
la prima notte, quando donna Rosa
disse: "Sìmme spusàte, mò te spetta...
Guàrdame buono, non ho alcun difetto,
so' fresca e tosta e addòro ‘e giuventù,
ma annùra, ‘a cap' ‘o père, come adesso,
ricuordatèllo, nun mi à vede' cchiù.

Io ti voglio assai bene, sei il mio sposo,
e dint' ‘e bbracce tòie voglio sunna'.
Tengo vint'anne e tu me vìde bella,
ma ‘sta bellezza, col tempo, svanirà.
Le rughe, il grasso, ‘o pietto ca s'appenne
e tutt' ‘o riesto ca s'affloscerà...

È molto meglio ca pe' tutt' ‘a vita
nella tua mente resti la visione
‘e  cumme songhe mò, nel mio fulgore,
non con i guasti causati dall'età.

Don ciccio se facètte ‘o paro e ‘o sparo
e ‘lle dicètte "Te voglio accuntenta',
pure si ‘ll'uòcchie vònno ‘a parta lloro,
(abbasta ca nun manca l'essenziale...)
te lo prometto, ti starò a sentire,
già ‘a primma notte m'avèss' appicceca'?"

E da allora don Ciccio, tutt' e ssere,
quanno vèn' ‘o mumento ‘e se spuglia',
spegne la luce e vede a donna Rosa,
bella, fresca, cu ‘a pelle avvellutàta,
e no cumme s'è fatta. ‘O tiempo è ‘nfàme!..

Mò, donna Rosa, nonostante ‘a dieta,
pesa un quintale e qualche cosa ‘e cchiù,
tène tre panze e ‘e vvene varicose,
ma a don Cicco ‘sti ccose non lo turbano
pecchè ‘onna Rosa è sempe chièna ‘e ciance
e ‘lle piace di stare... a tu per tu.

Sistemando il cuscino per dormire,
scosta la mano ansiosa 'e donna Rosa
e le dice: "Pe' me sì ‘nu bisciù ...
facesti bene a darmi quel consiglio
e ce spuglia' doppo stutàta ‘a luce,
così possiamo illuderci a vicenda
d'essere ancora cumm'èramo ‘na vòta,
quando c'era ‘a bellezza e a giuventù,

Ma, per piacere, stasèra riposiamoci,
troppo frequentemente nun è cosa,
- io mò vint'anne nun ‘e tengo cchiù".=

Il palinsesto di oggi