Le poesie

‘O casatiello ‘e Pasca

di Nino Del Duca

23-03-2008

‘O casatiello ‘e Pasca

‘V' ‘o ricurdate ‘o casatiello ‘e Pasca?
" una torta croccante e saporita
- voi mi risponderete certamente -
fatta ‘e farina cu' ‘e cìcule , col pepe
e le uova sode, ancora dentro il guscio,
affondate a metà per ornamento"

Per festeggiare Pasqua degnamente
‘o casatiello nun èssa manca'
e io so' sicuro che in molte famiglie
ca rispettano tutt' ‘e tradizioni
‘sta bella usanza ancora durerà.

Io tengo annanze all'uocchie mamma mia
quann'era ‘ntiempo ‘e Pasca, ‘int' ‘a cucina
cu' mille parattelle a mastria'.
Era ‘na gioia sultanto si ‘a guardàve
mentre cuceva ‘o grano d' ‘a pastiera
e priparava ‘e tagliatelle all'uovo.

Po' ce alluccava ‘ncapo (sorridendo)
mrntre noi bimbi, int'a ‘n'autàta d'uocchie,
ce arrubbàvamo ‘e cicule ‘a int' ‘o piatto
e essa, ca se n'era già addunata,
faceva apposta finta ‘e nun guarda'.

‘ N amico ca è venuto dall'Italia
m'ha ditto: "Beati voi che state qua,
e ancora ci tenete a queste cose...
Nuie, llà, in Italia, ce l'avìmme scurdate.
Mò Pasqua ‘a festeggiamo a surgelati
e i ragazzi nun vanno ‘int' ‘a cucina
pecchè nun ce stà niente d'arrubba'.

‘Int' ‘e ccucine d'oggi che ce truove?
Una colomba già confezionata
‘int' a ‘nu bello scatolo ‘e cartone
e il fuoco spento.  Usiamo il microforno
pecchè i cibi li ha sulo riscalda'.
Ma sopratutto non c'è l'atmosfera
che c'era a Pasqua a chilli tiempe llà.
Oggi le donne (è una colpa o una conquista?)
hanno tutt'altre cose a cui penza'.
Mòvene ‘e braccia sultanto pe' fa'aerobica
e nun sia maie ‘e vulìsse fa' ‘mpasta'
ti guardano cu ‘a faccia inorridita
cumme si fosse ‘na proposta oscena...
Hanno perduto ‘o genio ‘e cucena'."

Il palinsesto di oggi