Le poesie

Una casa per tutti gli italiani

di Nino Del Duca

30-03-2008

Ddoie stanzulèlle, ‘o bagno e la cucina,
senza ascenzore, in alto, ‘o quinto piano.
Marito e moglie, ‘a gatta e un canarino
dint' ‘a caiòla, ca allèro stà cantànno.

Oggi è arrivato ‘o sfratto - I due vecchietti
guardano chella carta con terrore,
comme fosse trasùto, all'intrasatto,
‘nu diavolo cu ‘e ccorne per scacciarli
dal loro nido addo' stanne ‘a tant'anne.
Pe' bbia ‘e ‘sta carta, mò l'hanna lassa'.

‘A pensiuncella, l'unica risorsa
doppo ‘na vita sana ‘e fatica'
mò nun abbasta cchiù, pirciò ‘o pesòne, (*)
cu' tutt' ‘e spese ca so' sagliùte ‘e ciele,
non sono stati in grado d' ‘o pava'.

Come per loro anche in tante altre case
è arrivato lo sfratto,  e le persone
si chiedono atterrite: "E mò addo' iàmme?
Ce resta sulamente ‘o Campusanto,
ma si nun tiène ‘e sorde pe' ‘na nicchia
te ne cacciano pure ‘a dinte llà"
Però ‘na voce ‘a ‘int' ‘a televisione
ha ditto: "Non piangete, state calmi,
ho già risolto tutto.  Gli italiani
ca a ‘stu mumento stanno senza casa,
avranno presto ognuno una dimora
cu ‘o gasse, a luce e ogni comodità.
Io ci avrei messo pure un bel giardino
ma m'hanno ditto ca ‘o spazio nun ce stà."

‘O Cavaliere, col suo sorriso aperto
e a dentiera in mostra, ha continuato:

"Voi vi lagnate ca state disagiati,
ma v'assicuro, è colpa ‘e chilli llà
che sono sempre pronti a criticarmi.
Io, che dal niente (l'onestà è un ostacolo)
son diventato ricco come Creso,
ho già pensato a chello c'àggia fa'.

Lo spiegherò nel corso dei comizi
e sui milioni di cartelli enormi
col mio ritratto, che saranno affissi
‘ncoppa a ogni muro, pe' ve dimostra'
ca io songo ‘o meglio, l'Unico, il Perfetto,
sempre pronto a risolvere i problemi,
non solo vostri, ma dell'Umanità."

Poi la voce, coperta dagli applausi
(pagati a tant' ‘a capa a ogni plaudente)
s'è dissolta nell'aria, e la TIVÙ
ha ripreso a mostrare cosce e seni.
(Forse in ossequio ad ordini precisi,
chi stà al  comando nun ce vo' fa' penza')

Fra chi ‘o sentèva è sorto un coro unanime:
"Cu ‘e guaie ca nuie tenìmmo ‘a part' ‘a capa,
chisto se mette ancora a sproloquia'
con le sue barzellette, vo' fa' ‘o comico.
Però le sue battute non fan rìdere,
come le sue promesse, sono vuote...
Mostrano in pieno la tragicità
di questa Italia, già meza scarrupàta
da chi, con insipienza e tracotanza,
in fondo a ‘nu burrone ‘a vo' purta'.

Che c'è da dire? Solo la speranza
che gli Italiani, in Patria e pure all'estero,
quanno sarrà ‘o mumento ‘ell' elezioni,
resìstano ai raggiri e alle lusinghe
dicendo "NO" a chistu "Mast' ‘e festa"
ca cerca ‘n'ata vòta ‘e l'abbabbia'.

(*) PESONE = PIGIONE (affitto)

Il palinsesto di oggi