Le poesie

La lingua italiana (C'è chi predica bene e razzola male)

di Nino Del Duca

28-06-2008

Il linguaggio italiano è una ricchezza
da preservare e tramandare ai posteri".

Io sento molto spesso ‘sti parole
recitate con enfasi roboante
e chistu fatto me fà scappa' ‘a pacienza
quando mi trovo a qualche conferenza.

L'oratore, se vede che ‘a parlata
non è avvincente e ammoscia l'uditorio,
per salvare la faccia e la serata
cambia e s'aggrappa al solito argomento
(sa che è gradito e nun le costa niente).

‘St'argomento è il linguaggio - l'ITALIANO -
"Il retaggio dei Padri...il Sommo Dante..."
e giù parole a fiumi e citazioni
e nun fà niente (...specie cierti politici)
se confondono avverbi e congiuntivi,
conta soltanto ricevere gli applausi
che, dato il tema, saranno molto vivi.

"Ma ‘a sustanza addo' stà?"

I discorsi non bastano - Ci vuole
un impegno costante e ogne mumento
per salvare e promuovere i valori
che ci fanno fratelli, ed il linguaggio
è uno di questi - e non parlo solamente
della lingua ufficiale - anche i dialetti
vanno protetti, sono parte viva
della nostra cultura e il loro suono
ci riporta all'istante, nella mente,
i ricordi preziosi del passato,
i volti e i gesti della nostra gente.

Però succede che molti professori,
politici e altra gente "Artolocata",
pur professando (a vuoto?) il loro impegno
di promuovere a fondo l'italiano,
in ogni circostanza o riunione
che solennizzi eventi nazionali,
pe' prima cosa parlano in inglrese,
po', a stiente, qualche frase in italiano,
solo per dare un poco di colore...

Dice: "Ma noi viviamo fuori, all'estero
e la gente che  parla solo inglese,
non capirebbe quello che diciamo".

Questa obiezione andrebbe pure bene
se fatta in un contesto a noi straniero,
ma quanno pure dint' ‘o Consolato
o ‘ncopp' all'Istituto di Cultura
viene preposto l'inglese all'italiano,
facìteme sfuca': "Chiste so' scieme,
altro che promozione della lingua,
chist' ‘o stanno atterranno l'italiano!"

Mettiàmoci a parlare in italiano
dovunque, sempre, a casa, nelle feste.
A poc' ‘a vota ci riabituerèmo
al "Dolce Idioma" e  pure gli stranieri
l'apprezzeranno  - Io lo faccio da sempre
e penso che chiunque tiene a cuore
la nostra lingua, dirà: "Bravo Nino!
Chesta ‘mparata ‘e crianza ci voleva!"

Io spero ca chi tène ‘nmano ‘e rrètene,
i Capintesta della Comunità,
la smèttano di fare sulo chiàcchiere
e, veramente, dando il buon esempio,
mèttano l'italiano al primo posto.
Ma lo faranno?  Lo auspico  - Chissa'...

Il palinsesto di oggi