Le poesie

Banca o riggiola?

di Nino Del Duca

11-10-2008

"Che sso', che sso' ‘e denare?
Quanno ce stà ‘a salute nun so' niente!"

Queste parole, con tono filosofico,
spisso ‘e sentìmmo dìcere d' ‘a ggente.

Ognuno ‘e nuie, mettènnese ‘int' ‘o lietto,
pensa agli eventi della sua giornata,
chi alleramente e chi coi nervi a pezzi
per le difficoltà ‘e tira' ‘a campata.

Chi tène ‘e sorde campa nmiez' ‘o bbene,
chi nun ‘e ttene s'àdd' arrabbatta'
per procurarsi quello che gli serve,
ma tutti quanti, ‘e ‘na manèra o ‘e ‘n'ata
(esclusi quelli che sfortuntamente
vivono ai bordi della società)
ce ne iammo a cucca' cu ‘a panza chiena
e la speranza che chissa'... domani...

Questo per dire, tornando a quelle frasi,
che soddisfatti i bisogni elementari,
tutto il resto è soltanto un'illusione
che coltiviamo nella nostra mente
senza pensare che, quanno murìmmo,
nun ce purtàmmo appriesso ‘o riesto ‘e niente
e quel che abbiamo e che ci inorgoglisce
è solo un fuoco fatuo, e che di noi
resta solo il ricordo tra i viventi.

In questi giorni ognuno è preoccupato
perchè le banche vanno in fallimento,
ed ha ragione, perchè il Dio Danaro
condiziona la vita della gente.

Però, a pensarci meglio, se qualcuno
trovasse il modo di togliere il potere
a ‘stu flagello che avvelena gli animi,
al mito del DANARO che ci avvince
ma ci rende nemici tra fratelli,
nuie campàssemo meglio. C'era una canzone
ca ‘a nonna, mi ricordo, canticchiava:

"Denaro ca si' causa d'ogni male
pe' te se fà micìrio e se more..."  (*)

che sintetizza con semplicità
l'origine dei guai che abbiamo al mondo
e ci rendono schiavi consenzienti
di tutti i vizi della società.

Lo sò ca ‘stu penziero è un'utopia,
Per come il mondo adesso è organizzato
senza denaro nun se pò campa',
per cui chiedo a chi studia queste cose
di illuminarci su quello c'aìmma fa':

dobbiamo lascia' ‘e sorde ‘ncopp' ‘a BANCA
con il timore ca ponno sfuma',
o l'avìmma stipa' sott' ‘a riggiòla (**)
cu ‘a paurella ‘ncuorpo che, di notte,
‘e sùrice  s' ‘e vvanno a ruseca'?


(*) micìrio = omicidio
(**) riggiola = mattonella

Il palinsesto di oggi