Le poesie

Compleanno

di Nino Del Duca

25-01-2009

Quante ne so'? ‘Nu sacco - ottantacinque -
Ma stongo ancora allerta (...menu male!),
mentre ringrazio a chi me fà ll'augurio,
me sento ‘nmocca ‘nu sapore amaro.
Ce so' arrivato io pure oltre gli ottanta
(qualcuno dice ‘nu poco ‘nzallanùto)
e ‘ntiempo ‘e mò, chist'è ‘nu risultato,
cu ‘sta smania ‘e campa' c'accorcia ‘a vita...
Ma chist'amaro ‘nmocca, ccà rimane
e nun saccio ‘o pecchè. Io, bene o male,
l'àggio campàta ‘a purziona mia,
‘e bbòte allèro, ‘e bbòte ‘ntussecato...
E allora, addo' l'appòie ‘sta pecundria?
Ma cammenànno a ppère pe' Broadway,
guardànneme ‘int''e spiècchie d' ‘e vetrine,
àggio vista ‘na faccia chiena ‘e rughe,
‘na capa tutta jànca, e ll'uòcchie chìne
‘e desiderio muorte ‘e giuventù
ca, a tantu tiempo, nun ‘e tengo cchiù.
E allora àggio capìto ‘a che me vene
‘st'amaro ‘nmocca ca nun vo' passa'.
Però, penzànno bbuono, c'àggia fa'?
"Pure p' ‘e viecchie ‘ncielo luce ‘o sole
e ‘a vita è bella pure a chest'età"
(Basta ca ‘a piglia cu' filosofia,
ca te rassigne, e po'...tira a campa')

Il palinsesto di oggi