Le poesie

A Marisa Laurito

di Nino del Duca

10-05-2009

Io songo assai devoto a San Gennaro

e, pe' cuscienza, mò l'àggia ringrazia'

pe' chisto miracolo c' ‘ha fatto

facènno veni' ccà ‘sti grandi artisti,

pirciò ‘o faccio appiccia' tante cannèle

ca ‘o fummo fino a ‘nCielo àdd'arriva'!

Io m'accatto ‘o giurnale ogne matìna

e ogne matìna è ‘a stessa ‘ntussecàta:

notizie orrende ca fanno azzelli' ‘e ccarne

scandali, guerre, case scarrupate...

Ma ‘stammatìna, invece, è asciùto ‘o sole!

Me so' accunciate ‘e llente ‘ncopp' ‘o naso

pe' leggere cchiù meglio - C'era scritto

‘n annunzio ca m'ha fatto cunzula',

non credevo ai miei occhi: Stò sognando

o è proprio ‘overo? - MARISA vène ccà?

Non era un sogno.  La notizia è vera

e, pe' chi, cumm'a me, vive in America,

ma ‘o core suio stà ancora ‘e casa a Napoli,

vedere il suo sorriso da vicino

sarrà ‘na gioia, ‘n'ora ‘e felicità.

Descrivere MARISA? - È una parola...

Ce vo' ‘o vocabolario sano sano:

"Bella, cianciosa, allèra, malinconica,

‘ntussecosa, dolcissima, sberressa..."

Chill'uocchie affatturate so' capace

‘e farte senti' ‘o suono d' ‘o silenzio,

e, cu ‘e stesse uocchie, ridere... Te ‘ncanta!

È ‘na maèsta ‘ell'arte ‘e recità.

Quanno po' canta, ‘nmocca tèn' ‘o zucchero,

te fà scènnere ‘o ddoce dint' ‘o core

e tu rituorne a Napoli cu ‘a mente,

te siente allèro dint'a ‘nu mumento.

Pirciò, MARISA cara, ti ringrazio

ca tu nun ce l'è fatt' ‘o tradimento

e viene ccà pe' ce canta' ‘e canzone,

ma chell'ovère, chiene ‘e sentimento,

no cierti ‘nciùce ca nun sanno ‘e niente.

MARISA, so'un tuo vecchio ammiratore

che ha ormai raggiunto quella certa età

in cui gli ardori si sono raffreddati

(per meglio dire, se so' congelati)

ma il tuo sorriso mi saprà ridare

quel certo "friccechìo d' ‘a gioventù"

ca ‘a tantu tiempo nun ‘o provo cchjù.

A nome ‘e chi ti ammira, ‘e chi ti apprezza,

ti voglio dare un bacio... Mi ha prumèttere

ca t' ‘o puorte ‘int' ‘o core fino a Napoli

e llà ‘o spanne p'‘o cielo, come simbolo

dell'amore che tutti gli italiani

sparze p' ‘o munno, tenìmmo per l'Italia,

p' ‘a terra nosta ca ce stà luntana.

 

Il palinsesto di oggi