Le poesie

Sperando nel futuro

di nino del duca

13-09-2009

 

"Sperando nel futuro".  Questa frase

mi è stata gentilmente suggerita

da una Persona colta e raffinata

che dirige, con garbo e molta cura,

l'Istituto Italiano di Cultura.

 

Alla mia età, sperare nel futuro

mi sembra, come dire, un po' azzardato.

Quando la tua matassa della vita

si è già quasi del tutto sgravugliàta,

siamo sinceri, che ce stà ‘a spera'?

 

Eppure, pe' tramente ca ‘a liggèvo

s'è aperta ‘na finestra nella mente.

‘O cielo, quasi sempre trubbeliato

da quello che leggiamo nei giornali

e tutti i guai ca ce conta ‘a TiVù,

mi è sembrato più azzurro e in quel momento

me so' sentito meno tartassato

dagli acciacchi, purtroppo inevitabili,

che la vecchiaia dà a tutti, in generale

(pe' me nun è carogna, anzi è benigna,

meglio viecchio ca muorto, non vi pare?)

 

Io sono sempre stato un ottimista

e credo ca si pure esiste ‘o mmale,

‘o bbene priesto o tarde triunfarra'.

L'umanità, che gioca col destino

avvelenando ‘a terra, ‘o cielo e ‘o mare,

capirà (mò ce azzacca chella frase...)

ca ‘sta strada sbagliata adda cagna'

e troverà i rimedi che lle servono

per far tornare la tranquillità.

 

Io l'àggia ringrazia' a ‘stu Prufessore...

Le sue parole son come l'Acqua Santa

aspersa sui peccati della gente

che, noncurante delle conseguenze,

fà tanti guai (... e doppo se ne pente).

 

Le ha dette in "lengua ‘ngresa" e ciò mi turba

ma non mi meraviglia.  Oggi è di moda,

è cume ‘o petrusino ogne menèsta,

lo trovi ovunque, ce stà poco ‘a fa'.

 

(Nei tempi antichi di moda era il latino,

poi sorsero altre lingue... e mò l'inglese,

doppo chissà... una lingua universale

che affratellando i popoli del mondo

li renda amici, nun ‘e ffà appicceca').

 

Quando qualcuno parla di speranza,

in qualunque linguaggio egli lo dica,

il futuro si mostra meno grigio

e ce torna ‘int' ‘o core ‘a ggioia ‘e campa'.

 

Il palinsesto di oggi