Le poesie

Discorso da marziano

di Nino Del Duca

08-11-2009

È venuto un marziano ‘a casa mia,

o almeno devo ritenerlo tale

per come parla, sono cose assurde...

Ma lui dice: "La mia proposta è logica

e , priesto o tarde, la gente l'attuerà".

 

Stèvemo ‘nzieme, facènno colazione

dint' ‘a cucina (pane e pruvulone)

e lui affermava che, attualmente, al mondo

l'armonia fra i due sessi non c'è più,

mò s'esce a "chi songh'io e chi sì tu..."

 

Vedi - disse convinto - il mondo attuale

com'è composto, nun pò funziona'...

Troppi conflitti tra le donne e gli uomini,

senza contare,  poi, ch'àmma penza'

ai problemi connessi con coloro

ca, come dire, stanno ‘a ccà e ‘a llà.

 

Madre Nature, che nella sua saggezza,

ha stabilito i ruoli meglio adatti

a garantire la sopravvivenza

degli esseri viventi, aveva dato

agli uomini la forza ‘e fatica'

e alle donne la gioia di fare i figli

e ‘a pacienza ‘e puterle suppurta'.

 

Per cui da sempre, ‘a quanno ‘o munno è munno'

c'era tra i sessi una certa comprensione,

gli uomini provvedevano ‘a famiglia

e le donne, perfette in questo ruolo,

stèveno ‘a casa ad accudire i figli.

 

Voglio dire, non c'era ‘sta tensione,

ognuno se faceva ‘a parte sòia,

uomini e donne ( e pure... chilli llà)

mostravano rispetto uno pe' ll'ato.

Guarda oggi, invece, come è la realtà.

 

Le donne (che hanno sempre comandato

dietro le quinte) mò vònno cumanna'

più apertamente.  Formano i cortei

e allùccano: "Ci siamo emancipate,

vogliamo fare ciò che fanno gli uomini,

non tolleriamo la disparità...

Lo pretendiamo...e ce l'avìta da'!"

 

Il terzo sesso è in un'eterna lotta

contro ogne cosa che è ovvia e normale,

e addirittura chiede che la legge

sovvertisca il buonsenso e la Natura...

(Nu figlio cu dduie pate o cu ddoie mamme?

Ma questo è il Caos, non la Libertà!)

 

Perciò pe' migliora' la convivenza,

propongo che si formino città

divise: Una, soltanto per le donne,

coi negozi e ‘e putèche d' ‘o mangia',

po' ‘n'ata con le fabbriche e le industrie

dove gli uomini vanno a fatica',

una terza pe' chille ‘e sesso incerto

dove nessuno li può disturba',

e una quarta cu ‘e banche, cu ‘e teatri

e gli alberghi, la sua comodità

sarà quella di luogo per gli incontri

(per fare i figli e... chelli cose llà).

Così ogneduno campa a modo suio,

non c'è motivo pe' s'appicceca'."

 

"Capisco... e alla famiglia, che succede?"

 

"Viene abolita - ch' ‘a tenìmmo affa'

Tanto nessuno più la tiene in conto

nel moderno concetto d' ‘o campa'.

 

Resta solo un dilemma: ‘E peccerìlle

nun saccio ancora che me n'àggia fa',

nel mio schema è un problema irresoluto...

Li affido ‘o pate, oppure li dò ‘a mamma?

In ogni caso, anche se soffriranno,

è un prezzo cui bisogna sottostare

per creare una nuova società".

 

Gli risposi: "Tito', staie dànne ‘e nummere...

Quelle che hai dette, so' sulo scemità.

Eva fu fatta cu ‘a costola d' Adamo,

femmine o maschi, è sempe ‘a stessa pasta.

Sia pure qualche volta s'accapigliano,

è p'‘o sfizzio ‘e puterse appicceca'

per poi far pace  e,  stando stretti insieme,

assaporare la felicità.

 

Questo tuo nuovo assetto è inconcepibile,

se abolisci la coppia e la famiglia,

elimini, lo ammetto, qualche "trobbola"

ma, insieme ad esse, questo è risaputo,

togli le basi della società

e poi, t' ‘o  vvoglio dìcere ‘int' ‘a rechhia,

se non tieni vicino l'altro sesso,

ti mancheranno ‘o genio e ‘a gioia ‘e campa'

 

 

Il palinsesto di oggi