Le poesie

Dilemma

di Nino Del Duca

15-11-2009

"Vicie', fàmme ‘o piacere, basta cu' ‘stu parla',

ogge nun è gghiurnata, ‘a capa nun ce stà...

‘sti ‘nciuci d' ‘a politica cùntale a qualcun ‘ato,

ne tengo ‘a panza chiena, me songo sfasteriàto

e po', sono depresso, nun saccio c'àggia fa',

tengo ‘nu tarlo ‘ncapo ca me fà sbaria'.

 

M'ero scurdato ‘e llente, pirciò sono tornato

‘a casa ed ho trovata mia moglie,  assai eccitata,

ca, dint' ‘a stanz' ‘e lietto, stève ‘nzieme cu' ‘n ato.

 

M'è gghiùto ‘o sanghe ‘ncapo, me sentevo ‘e scuppia'.

Ma lei, con molta calma, m'ha ditto: "Tu staie ccà?

Ti presento Gennaro - È ovèro ‘n omm' in gamba,

ce sàpe fa' cu ‘e ffemmene, ‘e ssàpe accuntenta'".

 

"Cicci', ma cumme stèvano, dint' ‘o lietto spugliate ? "

 

"No, stèveno vestùte, uno vicino all'àto

e ‘stu Gennaro, subito, mi ha steso la sua mano

ed ha detto a mia moglie: " Ce vedìmmo dimane,

ho preso ogni misura e saccio c'àggia fa',

ve faccio ‘nu servizio ca v'àdda cunsula'"

Il sangue ribolliva, me sentèvo asci' pazzo

e ho gridato a mia moglie: " Fèmmena scellerata,

così tu mi ricambi l'amore che ti porto?

Te ne caccio d' ‘a casa - pe'  me tu mò si' mmorta!"

 

Ma mia moglie, ‘e rimando, s'ha fatta ‘na resàta

e poi, con tono serio: "Che d'è ‘sta sceneggiata?

Gennaro è ‘o tappezziere e, molto gentilmente,

oggi è venuto a prendere le misure p' ‘e tende.

Questa era una sorpresa che ti volevo fare,

rinnovando la stanza per meglio festeggiare

il nostro anniversario. 

Ma mò, si ‘o vvuo' sape'

è meglio ca t' ‘o scuorde...lièvate ‘a tuorno a me!"

 

-Vicie', dìmme ‘nu poco, io mò c'àggia penza'

ca tengo ‘e ccorne, oppure ca me pozzo sbaglia'?"

" Cicci', a questo DILEMMA è meglio non pensare,

la certezza assoluta non la puoi mai trovare

(sia solo col pensiero, sìmme tutte curnùte).

Però, a pensarce buono, meglio che ti saluto

e torno ‘e press'a casa.  Non chiedermi il perchè,

io pure tengo moglie...nun se pò mmai sape' ".

 

Il palinsesto di oggi