Le poesie

Dystimia (Chilla ca nuie chiamammo “pecundria”)

di Nino Del Duca

28-03-2009

 

"Tengo ‘na bella casa e ‘na muglièra

ca me vo' bbene - ‘E figli vanno a scola

e tronano sereni e sorridenti.

Tutt' ‘e pariente mieie stanno in salute,

ho un buon lavoro, gli amici attuorno a me...

Eppure so' infelice, ho come un vuoto,

me manca qualche cosa, non sò che..."

 

Ho letto questa "Lettera al giornale"

(nella rubrica in cui danno i consigli)

e la breve risposta, divertente

ed, ovviamente, anche un pochino ironica:

"Tu nun ‘o ssaie, e ‘o vvuo' sape' ‘a me?"

 

A me è sembrato assai poco esauriente

questo commento, e ingiusta l'ironia,

pecchè colui che ha scritto chillu sfogo

ha bisogno di molta simpatia.

 

E non è il solo, ce ne stanno tanti

ca soffrono d' ‘a stessa malatìa,

tèneno tutto, ma lle manc' ‘o mmeglio,

chello che manc' ‘e sorde pònno da':

la fiducia in sè stessi e ‘a gioia ‘e campa'.

 

Pe' chesto, vorrei dire agli "infelici":

siete depressi, ma pe' senza niente:

la vita è un susseguirsi di vicende

a volte liete e ‘e vvote triste assai,

ce stà chi se la piglia alleramente

e chi pare "Pasquale passaguaie".

 

A quest'ultimi tutto gli va male,

ogne cosa lle pesa, e pure i calli

(ca chi ‘e ttène ce mette ‘o ppoco ‘e ‘nguento

e po' s' ‘e scorda) pe' lloro so' ‘na cosa

gravissima, che dà infelicità

e non soltanto una banale noia.

Se fanno male... te li ha suppurta'

così come ogni fatto della vita,

l'hamma accetta' senza ce ‘ntusseca'.

 

Chistu malanno sembra complicato

(pe' bbia d'‘o nomme, ca pò ffa' paura)

ma è sultanto ‘na pecie ‘e pecundria,

‘na cosa ca, vulènne, ‘a puo' cura'

senza manco bisogno ‘e medicine.

 

Abbasta sulo ca te guarde attuorno

e ti convinci che ‘a felicità

non è fatta di cose materiali

o di sogni ca nun puo' realizza',

ma dallo stare in pace con sè stessi

e con il mondo - E se ti senti "vuoto"

o sconfortato, nun te rattrista'

 

ma pensa: "‘A terra gira, ‘o sole luce,

è già turnata pure ‘a primavera,

‘n aucièllo canta e so' schiuppàte ‘e vviole,

‘ncopp' ‘o ffuoco ce stà ‘ past'e ffasùle

e muglièrema tène ‘a faccia allèra...

Che m'arravoglio affa' dint' ‘e penzière?

‘Sta pecundrìa me l'aggia fa' passa'..."

_________________

 

A chi si sente triste e malinconico

senza un vero motivo di dolore,

lle voglio di: si pure quacche vvota

te vène ‘ncuollo ‘o piso d' ‘o campa',

pensa che ‘a vita, anche con le sue pene,

è sempe bella, si t' ‘a sài piglia'.

 

(1) Pecundria = tristezza / depressione

 

 

Il palinsesto di oggi