Le poesie

Lezione di seduzione

di Nino Del Duca

07-10-2007


Per sedurle - comuincia Pasqualino -

non sempre è necessario essere bello,

o molto muscoloso, oppure ricco.

 

Certo, un assegno rende ‘e ccose facili

nel mondo d'oggi,  dove tutto è in vendita,

però pure si stàie senza ‘na lira,

una ragazza tu ‘a puo' conquista',

se sei capace di darle quel che vuole:

‘O sentimento e le parole tènere,

ma anche un uomo, ca quann'è ‘o mumento

nun perde tiempo e sape c'hadda fa'.

 

Gennaro ‘o sente e sogna l'avventura

cu ‘na bella guagliona tra le braccia...

ma fino a mò nun l'è mai capitàto.

‘Na vota pe' ‘nu fatto e mò pe' ‘n ato

è ancora in bianco, e questo non gli và.

 

Pirciò lui si è rivolto a Pasqualino

ca (biàto a isso) stà sempe chìno ‘e fèmmene

e ascolta attento, dopo aver cenato

(naturalmente, è Gennaro che ha pagato)

ciò che Pasquale cerca ‘e ‘lle ‘mpara'.

 

Vedi - gli dice - ‘e ffèmmene so' fèmmene.

Cerca ‘e capi', anch'esse sono umane,

se tu le tratti cumme fossero angeli,

le loro grazie tu t'‘e  ppuo' scurda'.

Però, allo stesso tempo, se ad un tratto

lle zumpe ‘ncuollo e cerchi ‘e ‘ll'abbraccia',

te puo' aspetta' pure qualche schiaffone,

perchè hai offeso la loro dignità.

 

"E allora àggia parla' o m'àggia sta' zitto?"

-Tutte ‘e ddoje cose, ma, al momento giusto.

Convìncila a venire a casa tua,

poi la fai accomodare sul divano

e, con tènere frasi appassionate

accummiènce a tentarla, chianu chiano

 

Ma non toccarla !  Cerca ‘e nun ghi' ‘e pressa...

Cu' ll'uòcchie ‘e triglia la guardi dolcemente

e, a poc'‘a vòta, pigliànnola  p'‘a  mano,

la convinci ad alzarsi dal divano

e l'aiuti a sedersi sopra al letto.

Ricordati però quello che ho detto:

 

sopra al divano devi essere assai tenero,

ma ‘ncopp' ‘o lietto, senz'arapi' ‘a vocca,

duro e tenace - vedrai che cederà.

 

Pasca', ho capito, ma ho ancora qualche dubbio.

Nella mia stanza, siccome ‘o spazio è poco,

ce stà sultanto ‘nu divano letto.

E allora, cumme m'àggia cumpurta'?

 

 

Il palinsesto di oggi