Le poesie

‘O congiuntivo

di Nino Del Duca

14-02-2010

L'amico professore ca ‘a Dummèneca

ci illustra con sapienza e con arguzia

‘a lecca e ‘a mecca dell'italo linguaggio,

ha denunciato, sfucànno cu' currìvo,

ca in Italia è sparito ‘o congiuntivo.

 

Per chi è lontano dal corretto uso

della lingua italiana e parla come

molti noti politici nostrani

che, pur essendo semianalfabeti,

fanno i ministri, ‘o fatto è irrilevante.

Parla' a vacante, cu' ‘o congiuntivo o senza,

non cambia niente, c'è poco ‘a commenta'.

 

Qualcuna dice: "Ma a nuie che ce ne ‘mporta?

Che sia un disuso, che differenza fà?

Parlare nun è cumme ‘a matematica

ca si tu sbaglie, ‘mbruòglie tutt' ‘e cunte!

Abbasta ca capisci che hanno ditto,

‘sti suttigliezze ‘e ausa' bona ‘a grammatica

‘e chisti tiempe, non sono priorità.

 

Quanno tu siente int' ‘a televisione

o liegge sui fiornali le notizie

di fatti orrendi, di guerre devastanti,

di gente che per fare i propri affari

sovverte ‘a legge e abusa del Potere,

che importanza pò ave' usare i verbi

in un modo incorretto? ‘A verità

fosse assai meglio a pensa' ‘e ccose serie,

a come fare per unire i popoli,

a distruggere ‘a famma e l'ingiustizia,

ad aiutare a chi nun pò campa'.

 

Cu ‘stu parla', che è certamente logico,

io so' d'accordo, ma non completamente.

Quanno accummience ad essere incapace

di seguire le regole precise

del tuo linguaggio, succere che t'abitui

a un modo di pensare trascurato

e ‘na vota ‘na cosa e doppo ‘n'ata,

ogne fatto te pare indifferente

e, a poc' ‘a vota le regole del vivere,

‘e campa' nmièze ‘a ggente civilmente,

vanno perdute, nun servono cchiù a niente.

 

Pirciò pur'io mi arrabbio quando osservo

che la lingua italiana è bistrattata,

ma no pecchè vulesse fa' ‘o purista

(nun so' un esperto di filologia)

ma pecchè penso ca chi vuole esprimersi

cumme se dice, "...cu ‘a lengua ‘int' o ppulito"

" ‘o congiuntivo" l'hadda sape' ausa'.

 

Io mi sento al difuori della mischia

pecchè, scrivendo in questo modo strano

ammiscànno il dialetto e l'italiano,

il congiuntivo lo uso raramente,

anzi, preciso, nun ‘o pozzo ausa'

pecchè nel mio linguaggio (chille ‘e Napule)

il congiuntivo è assente, non ci stà.

 

Il palinsesto di oggi