Le poesie

E l'uomo fu

di Nino Del Duca

25-10-2008

Nella Sua mente limpida e perfetta,
ora che aveva completata l'opera,
era rimasto un ultimo dilemma.

"Tutto ‘stu bbene ‘e Ddio c'aggio criàto
Io mi domando, che me n'aggia fa'?
‘O cielo, ‘o sole, l'intero firmamento,
tutto funziona senz'alcun intoppo,
causa ed effetto son sincronizzati
e la vita d' ‘e piante e delle bestie
che ho messe sulla Terra è assicurata
dal reciproco scambio.  Ognun' ‘e lloro,
dopo il suo ciclo, fà magna' a chill'ato.
Ogni cosa che muore poi rinasce,
cumme se dice, viene riciclata.

Però...che saccio, manca qualche cosa,
qualcuno che apprezzasse il Mio operato
e putesse goderne i benefici..."

E decise all'istante - "Che ne dici?
- chiese al più saggio dei suoi consiglieri-
mò creo ‘n ato animale, però ‘o faccio
intelligente, ca pò arraggiuna'.
Sarà il re del creato, e con i mezzi
che gli ho fornito, camparrà felice
e certamente mi ringrazierà".

"Nun date auriènza, può essere rischioso
-gli fu risposto - Ve pò capita'
ca siccome ‘lle date ‘e cerevèlle,
‘st'animale sapiente a cui pensate,
se mette a sbaria'e, nella sua mente,
può illudersi ca isso è uguale a Vuie...
Ma chi è bestia, sempe da bestia agisce
senza vule' farrà qualche guaio gruosso
e tutta chesta bella costruzione
c'avìte fatta, v' ‘a fà scarrupa'."

"Non fare il pessimista - Io nun so' fesso,
e stongo sempe Io ‘a coppa p'o guarda',
se si comporta male, l'ammonisco
e ‘lle manno a Mio Figlio pe' ‘ll'aiuta'.
Poi, se continua, deciderò il da fare...
Se voglio, ‘o pozzo pure zeffunna'!

Per ora voglio dargli il privilegio
di decidere lui le cose sue,
se agisce male, è isso c'àve ‘a peggio...
Voglio vede' chello ca sàpe fa  ".

E creò l'uomo - E l'uomo, fessamente
invece di apprezzare e di proteggere
la Vita - un dono che gli è stato dato
per perpetuarla e vivere in letizia -
se mettètte a pazzia' con la Natura,
sconvolgendo i Suoi fini ed i Suoi piani.

Appestò l'aria, avvelenò i Suoi mari,
distrusse le foreste e gli animali
e, preso da un orgoglio irrazionale,
si credette padrone di decidere
sulla vita e la morte dei Suoi figli,
uccidendoli ancora primma ‘e nascere.

Accussì stanno ‘e fatte. Ma sperammo
che l'uomo si ravveda.  Lui ci ama
ma nun l'avìmma fa' sfasteria',
senza il Suo aiuto, senz' ‘a Mano Soia,
i nostri guai nisciuno ‘e pò appara'.

L'uomo, tronfio di boria e tracotanza
pe' chello pucurìllo ca capisce
degli immensi misteri ‘ell'esistenza
(che sàpe, quasi niente, qualche briciola...)

con le sue stesse mani, a poco a poco
(o in un istante, si qualche capa pazza
appoggerà il suo dito su un pulsante)
ripiomberà nel buio.  Chisto è ‘o destino            
(si continuàmmo ad essere incoscienti,
annascunnènno ‘a capa dint' ‘a sabbia)
che attende al varco l'intera umanità

Il palinsesto di oggi